I film dell’anno 2014-2015

Vizio di Forma Doc Sportello

Attesissima a fine stagione, arriva anche quest’anno la classifica dei migliori film, usciti in Italia, da agosto 2014 a luglio 2015.

E’ stata un’annata ricchissima, ma non particolarmente fortunata, in cui quattro film hanno guadagnato la vetta, ma tutti e quattro hanno fatto solo una fugace apparizione nelle sale italiane, grazie a distributori lungimiranti e coraggiosi.

In vetta troviamo Vizio di forma, che Paul Thomas Anderson ha tratto da un romanzo di Thomas Pynchon.

Nella California del surf del 1970 il sogno hippie è ormai destinato a naufragare nel sangue della strage di Bel Air e nella paranoia nixoniana. In un caleidoscopio di personaggi non è tanto importante l’intreccio noir quanto la consapevolezza di trovarsi al crepuscolo di un’illusione.

Altro film politico nel senso migliore del termine è il russo Leviathan di Andrei Zvyagintsev, ispirato in parti uguali al Libro di Giobbe ed all’opera di Hobbes, era stato il nostro preferito a Cannes 2014. Nessun altro film ha avuto nel corso della stagione la stessa forza drammatica, lo stesso spirito laico.

Zvyagintsev racconta la Russia di oggi con la stessa forza simbolica e lo stesso sguardo morale che Kieslowski usava per descrivere la Polonia sotto la cortina di ferro.

L’uomo giusto viene travolto dagli eventi, senza riuscire a capire il perchè.

Sul terzo gradino del podio c’è Boyhood, l’opera mondo di Richard Linklater. 12 anni di riprese con lo stesso cast. 12 anni nella vita di un ragazzino, dalle scuole elementari al college.

Un miracolo di scrittura minimalista, in cui il cinema si insinua nella vita e nei volti dei suoi attori.

leviathan

Al quarto posto un documentario originalissimo e personale firmato dal cambogiano Rithy Pahn, L’immagine mancante, che avevamo visto a Cannes 2013 e che grazie alla Movies Inspired è finalmente arrivato nelle sale.

La tragedia della dittatura comunista dei Khmer Rossi, ricostruita attraverso statuette di terracotta. Il regime aveva tentato di distruggere ogni traccia di modernità, assieme alla libertà ed alla democrazia: Pahn va alla ricerca di un’immagine che possa restituire il dolore e le atrocità della dittatura, ma non la trova. L’unico modo che ha per raccontare la storia della sua famiglia è il cinema d’animazione.

Dietro questi quattro capolavori, altri cinque film pregevolissimi.

Mommy di Xavier Dolan dopo il successo travolgente di Cannes ha trovato una distribuzione molto limitata da noi. E’ il primo film del giovane enfant prodige canadese ad uscire in Italia. Il suo straordinario talento avrebbe meritato più attenzione.

Due giorni una notte è l’ennesima conferma dei Dardenne. Due giorni una notte è cinema civile, al massimo livello. Lo sguardo indagatore dei fratelli si posa sul mondo del lavoro e sulle sue dinamiche distorte. Marion Cotillard si offre anima e corpo al suo personaggio, in un viaggio lungo un weekend per convincere i suoi compagni di lavoro a rinunciare al loro bonus, per evitarle il licenziamento.

Tanto bruciante è il cinema dei Dardenne, quanto glaciale è quello di Alex Garland che debutta alla regia con il distopico Ex Machina.

Quindi due documentari: The look of silence di Oppenheimer è il sequel di The act of killing, visto a Venezia.

Non ha forse la stessa forza cinematografica e l’originalità del primo, ma continua a raccontare la storia dell’Indonesia con una radicalità che spalanca un abisso nelle responsabilità personali e collettive di un intero paese.

Il sale della terra di Wim Wenders è invece dedicato alla vita del fotografo brasiliano Sebastiao Salgado ed alle sue immagini.

Infine, a chiudere la top ten, Mad Max: Fury Road, il non plus ultra nel campo del cinema-cinema, una corsa a perdifiato nel deserto alla ricerca di una terra promessa che – semplicemente – non c’è più…

Nessun italiano nella top ten e uno solo tra i primi venti – Anime nere: un’annata davvero magra per il cinema italiano, nonostante i nuovi film di Moretti, Garrone e Sorrentino, tutti più o meno incapaci di aggiungere qualcosa alla loro fulgida carriera.

Boyhood-Momentos-de-una-vida-Ellar-Coltrane-Mason-final

Tra i film e le opere che non sono mai usciti in sala nel nostro paese e che sono sempre più numerose, ricordiamo almeno queste, da recuperare in home video:  da Venezia 2014 Loin des hommes con Viggo Mortensen, tratto da un romanzo di Camus e The postman’s white nights di Konchalovsky, vincitore del Leone d’Argento.

Da Cannes 2014 invece bisognerebbe ripescare il visionario e bellissimo Jauja di Lisandro Alonso, ancora con Viggo Mortensen, l’horror It Follows di Mitchel, il documentario Jodorowsky’s Dune, sul tentativo del maestro messicano di realizzare la sua versione del classico di Frank Herbert, la miniserie P’tit Quinquin, diretta dal sulfureo Bruno Dumont e Lost River, il debutto di Ryan Gosling alla regia, bistrattato dai critici americani, ma invece pregevole e notturno: un incubo tra Lynch e Refn.

Infine sono rimasti misteriosamente inediti A most violent year, il terzo film di J.C.Chandor con Jessica Chastain e Oscar Isaac, un crime-movie ambientato nella New York del 1981 e The Raid 2 Berandal di Gareth Evans, il degno sequel del miglior film d’arti marziali dell’ultimo quinquennio.

Se volte saperne di più, seguite i link alle nostre recensioni.

Ecco infine la classifica dei 20 migliori. Restano fuori almeno una quindicina di buoni titoli, compresi il Leone e la Palma del 2014. E’ la bellezza un po’ brutale di ogni classifica…

Seguite i link alle nostre recensioni:

  1. Vizio di forma
  2. Leviathan
  3. Boyhood
  4. L’immagine mancante
  5. Mommy
  6. Due giorni una notte
  7. The look of silence
  8. Il sale della terra
  9. Ex Machina
  10. Mad Max: Fury Road
  11. Gone Girl
  12. Forza Maggiore
  13. Il segreto del suo volto
  14. Foxcatcher
  15. Birdman
  16. Frances Ha
  17. Whiplash
  18. French Connection
  19. Anime nere
  20. Fury
Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...