Atypical. Ugualmente bello: una famiglia affronta l’autismo

Atypical è la storia della famiglia di Sam Gardner. Sam è un adolescente che ama i pinguini e soffre di autismo ad alto funzionamento. Robia Rashid, ideatrice della serie, immagina Sam soprattutto come un adolescente assetato di normalità sociale. Nella prima stagione questo desiderio si esprimeva nella ricerca di una ragazza, mentre nella seconda la… Continue reading Atypical. Ugualmente bello: una famiglia affronta l’autismo

Annunci

Sacred Games e Ghoul. Passaggio in India per Netflix

Una delle principali novità dell’estate appena trascorsa, nell’ambito della serialità, è stata la comparsa delle prime produzioni Netflix dal sapore speziato. Parliamo di Sacred Games e di Ghoul, due serie indiane distribuite dalla potente piattaforma di streaming. Due prodotti differenti, per tematiche e atmosfere, con alcuni tratti in comune. C’era molta attesa per questo incontro,… Continue reading Sacred Games e Ghoul. Passaggio in India per Netflix

Maniac. Pillole di umanità da un improbabile futuro

Ci troviamo in una città che assomiglia molto a come negli anni ’80 i Newyorkesi avrebbero immaginato il loro futuro. Spazi angusti, robot intelligenti, relazioni umane che fanno fatica a trovare dignità in un contesto in cui si vende di tutto, anche i sentimenti: si può perfino affittare un marito o un amico. Una società… Continue reading Maniac. Pillole di umanità da un improbabile futuro

Castle Rock. Le ceneri di Stephen King

Forse qualcuno si ricorderà del ‘Grillo Mediolanum’, pazzesca scultura in ceramica proposta da Luigi Ontani per dare alla città di Milano un nuovo simbolo comunale. Era il 1995, il fatto costò la poltrona all’assessore alla Cultura di allora, Italo Rota. L’opera, facilmente rintracciabile su Google, era un assemblaggio incongruo di capolavori dell’arte e di segni… Continue reading Castle Rock. Le ceneri di Stephen King

Glow. Preparate gli scaldamuscoli … stasera si recita a soggetto

Cosa è lecito aspettarsi dalla seconda stagione di una buona serie TV? Riprendere la trama della prima, preservandone gli aspetti migliori per poi introdurre gradualmente degli sviluppi tali da arricchire i caratteri, articolare le relazioni e quindi portare lo spettatore ad un livello di coinvolgimento superiore verso la serie e i suoi protagonisti. Il tutto… Continue reading Glow. Preparate gli scaldamuscoli … stasera si recita a soggetto

Sharp Objects: quando la verità è scritta sulla pelle

Sharp Objects, alla lettera Oggetti Taglienti, è un prodotto televisivo dal taglio (è proprio il caso di dirlo!) cinematografico, di alta, se non eccelsa, qualità, thriller psicologico caratterizzato da atmosfere torbide e particolarmente complesso nella scrittura, nel montaggio e nella scelta delle musiche. Il punto di partenza, nel magma di messaggi e di significanti/significati, spesso… Continue reading Sharp Objects: quando la verità è scritta sulla pelle

Emmy Awards 2018: i nostri preferiti, gli outsiders, le alternative…

La pausa estiva è il momento ideale per ricordare e rivivere i momenti più belli dell’anno, facendo decantare le immagini, le emozioni e le storie che abbiamo vissuto nel nostro quotidiano fatto di eventi fisici, psichici e ... televisivi! E tra una querelle sulla ricetta migliore per la carbonara, una granita al limone e l’immancabile… Continue reading Emmy Awards 2018: i nostri preferiti, gli outsiders, le alternative…

Humans 3: prima gli umani?

Fin dal suo esordio nel 2015, il pregio della serie britannica Humans, clone della svedese Äkta människor e, sciccheria, con la A del titolo rovesciata, consiste nel presentare allo spettatore una realtà parallela assai singolare. Se esaminiamo con cura i dettagli dell’ambientazione, ci accorgiamo che l’evoluzione tecnologica ha interessato un unico settore: la cibernetica applicata… Continue reading Humans 3: prima gli umani?

The Handmaid’s Tale: un falso movimento che si apre ad un futuro rivoluzionario

Come abbiamo già rilevato nella recensione della prima metà di stagione, anche negli episodi della seconda parte predomina un meccanismo di flusso e reflusso: a un movimento di spinta in avanti segue un respingimento che riporta la situazione al punto di partenza. Pensiamo al rapporto tra il comandante Waterford e June o a quello tra… Continue reading The Handmaid’s Tale: un falso movimento che si apre ad un futuro rivoluzionario

Picnic a Hanging Rock: una serie materica, come una roccia carsica

Intervista ad Alessandro Vergari per parlare della serie australiana e di quello che abbiamo visto ( e pensato ) in questa prima parte del 2018. Quando si è presentata l’occasione di intervistarlo non ce lo siamo fatti ripetere. In un posto così, poi: il castello di Miramare. A due passi da Trieste, ma in un… Continue reading Picnic a Hanging Rock: una serie materica, come una roccia carsica