Humans 3: prima gli umani?

Fin dal suo esordio nel 2015, il pregio della serie britannica Humans, clone della svedese Äkta människor e, sciccheria, con la A del titolo rovesciata, consiste nel presentare allo spettatore una realtà parallela assai singolare. Se esaminiamo con cura i dettagli dell’ambientazione, ci accorgiamo che l’evoluzione tecnologica ha interessato un unico settore: la cibernetica applicata… Continue reading Humans 3: prima gli umani?

Annunci

Westworld 2. Lotta di classe tra uomini e robot

L’albero genealogico di Westworld ha una radice nota. C’era una volta un film di culto, Il mondo dei robot di Michael Crichton. Correva l’anno 1973, protagonista Yul Brinner. Quel film arrivava al tramonto della grande stagione del genere western. Sam Peckinpah aveva girato il suo capolavoro, Il mucchio selvaggio, quattro anni prima. Una pellicola epocale… Continue reading Westworld 2. Lotta di classe tra uomini e robot

The Americans: lettera alla famiglia Jennings

Cari Philip ed Elizabeth Jennings,                        scrivo a voi, da spettatore devoto, ora che la serie The Americans, dopo sei stagioni, si è chiusa. In questa lettera non intendo rivelare gli sviluppi della storia. Siete vivi, morti, fuggiti, convertiti al capitalismo? Chissà. Non voglio rovinare… Continue reading The Americans: lettera alla famiglia Jennings

The Rain. Pioggia marcia in Danimarca

Alla fine dell'ottava puntata di The Rain allo spettatore viene il sospetto che la prima stagione sia solo un lungo prologo introduttivo, l'antipasto di un plot molto più ampio e, si spera, più significativo. The Rain ruota attorno a un evento misterioso e catastrofico, una pioggia velenosa e letale, veicolo di un virus creato dall'uomo.… Continue reading The Rain. Pioggia marcia in Danimarca

Counterpart. Dall’altra parte dello specchio

“Nella Somma Teologica si nega che Dio possa far sì che il passato non sia stato, ma non si dice nulla dell’intricata concatenazione di cause ed effetti, che è tanto vasta e segreta che forse non si potrebbe annullare un solo fatto remoto, per insignificante che sia stato, senza infirmare il presente. Modificare il passato… Continue reading Counterpart. Dall’altra parte dello specchio

The Looming Tower. La tragedia delle Altissime Torri

“Ho visto Shaytan. Può attraversare i cieli, partendo dall'altra parte del mondo, dall'Occidente, fino a qui. Ha delle lunghe dita fatte di luce bianca. Capisci che è Shaytan perché la luce è bellissima. Non puoi voltarti. Non puoi scappare. La guardi, la guardi e poi quella luce abbagliante diventa fuoco. La terra esplode, le pietre… Continue reading The Looming Tower. La tragedia delle Altissime Torri

O Mecanismo. La discesa agli inferi del brasile

“Ciò che fotte il nostro Paese non è la violenza nelle favelas, non è la mancanza di educazione, non è il sistema sanitario fallito, il deficit pubblico o il tasso d'interesse. Ciò che fotte il nostro Paese è la causa di tutto questo”. E la causa di tutto questo è un cancro, un agente patogeno… Continue reading O Mecanismo. La discesa agli inferi del brasile

Il fuoco di Waco. Una tragedia americana

È il 19 aprile 1993. Monte Carmelo, a nord-est di Waco, Texas. Dopo 51 giorni di assedio, l’FBI decide di assaltare il ranch dei “davidiani”, setta religiosa nata negli anni '30 da uno scisma nella Chiesa avventista, guidata da David Koresh. Le forze d’attacco, sostenute da reparti scelti della Delta Force, non esitano ad utilizzare… Continue reading Il fuoco di Waco. Una tragedia americana

Seven Seconds, il coraggio contro il pregiudizio

C’è un’immagine ricorrente in Seven Seconds che può sembrare didascalica o retorica, ma che alla fine sintetizza, nella sua semplicità, molte contraddizioni. Da una collinetta di neve è possibile vedere in lontananza la Statua della Libertà, svettante nell’aria in tutta la sua magnificenza. Però, se da quello stesso punto si abbassano gli occhi sull’avallamento vicino,… Continue reading Seven Seconds, il coraggio contro il pregiudizio

Il ritorno di Homeland. Giorni difficili per l’America

Se siete tra coloro che collocano le serie tv nella categoria del puro intrattenimento fine a se stesso, o che credono ad una linea di confine netta tra realtà e finzione, Homeland è forse il prodotto televisivo che, più di altri, può smentirvi. Circa due anni fa Alex Gansa, showrunner della serie giunta proprio in… Continue reading Il ritorno di Homeland. Giorni difficili per l’America