Favolacce

Favolacce *** C’è silenzio in provincia. Fra le vie risuona la voce impostata di un tg, una canzone patinata spezza per un attimo il vuoto e poi di nuovo tutto tace. C’è silenzio ma non è sintomo di calma. È una patina spessa e copre una bolla di rabbia pronta a fuoriuscire con violenza da… Continua a leggere Favolacce

Berlinale 2020. Never Rarely Sometimes Always

Never Rarely Sometimes Always *** 1/2 "A volte non ti piacerebbe essere un maschio? Tutto il tempo" Ci sono dettagli che rimangono invisibili e momenti vuoti che raccontano oceani di minuscoli soprusi. C'è la spallina di un reggiseno troppo stretta, una passata di trucco per spezzare un momento di tensione, uno sconosciuto insistente che vuole… Continua a leggere Berlinale 2020. Never Rarely Sometimes Always

Berlinale 2020. Conferenza stampa di Schwesterlein – My Little Sister

Con Schwesterlein - My Little Sister, la coppia di registe Véronique Reymond e Stèphanie Chuat racconta l'affetto che unisce un fratello e una sorella in un momento tragico, ma parla anche di identità, di come rimanere sè stessi quando vengono a mancare punti di riferimento e dell'importanza della finzione, che si concretizzi in una favola… Continua a leggere Berlinale 2020. Conferenza stampa di Schwesterlein – My Little Sister

Berlinale 2020. Undine

Undine ** Le undine, dal latino unda, nella tradizione mitologica europea sono ninfe acquatiche che assumono forma umana quando si innamorano di un mortale, ma sono destinate a morire nel caso questi dovesse esserle infedele. Su questo soggetto si concentra Christian Petzold, che con Undine torna dietro la macchina da presa per un riadattamento in… Continua a leggere Berlinale 2020. Undine

Berlinale 2020. El Pròfugo – The Intruder

El Pròfugo - The Intruder **1/2 "Cosa potrebbe andare storto?"  "Tutto, Inès" Nel thriller psicologico El Pròfugo, la seconda opera di Natalia Meta in competizione alla 70esima edizione del Festival del Cinema di Berlino, la protagonista inizia ad avere paura prima ancora che tutto inizi ad andare a rotoli. La prima volta che entra nell'inquadratura,… Continua a leggere Berlinale 2020. El Pròfugo – The Intruder

Berlinale 2020. Conferenza stampa di Volevo nascondermi

Dopo aver catturato l’ombra di Leopardi nel Giovane Meraviglioso di Mario Martone, Elio Germano è diventato Antonio Ligabue in Volevo nascondermi per Giorgio Diritti. Sono a loro agio e sulla stessa lunghezza d’onda nel parlarne in conferenza stampa, in presenza dei produttori e della sceneggiatrice Tania Bordoni: “Questo lavoro è stato come creare un distillato”, spiega… Continua a leggere Berlinale 2020. Conferenza stampa di Volevo nascondermi

Berlinale 2020. Volevo nascondermi

Volevo nascondermi ***1/2 Un occhio ci scruta da sotto un velo scuro. È un occhio di matto che non distoglie lo sguardo quando lo fissi. È sensibile ai dettagli e quando rimane incagliato in un particolare che richiama epoche oscure, trasmette subito scariche elettriche al resto del corpo. Le scariche lo fanno arrabbiare. Urla, strepita,… Continua a leggere Berlinale 2020. Volevo nascondermi

Honey Boy

Honey Boy *** "I'm going to make a movie about you" Per qualche anno Shia LaBeouf è stato un meme. Finita la fase di enfant prodige per la Disney e consolidato il suo successo con la saga dei Transformers, la tipica crisi identitaria che ci si aspetta da chiunque sia stato una child star si è… Continua a leggere Honey Boy

Piccole donne. Recensione in anteprima!

Piccole donne *** "I can't believe childhood is over" In un modo o nell'altro cerchiamo tutti di sentirci parte vitale di una comunità, un microrganismo con una sua funzione e una propria luce a cui altri microrganismi possano fare riferimento. Che questo senso di comunione si trovi in una chiesa, un club affollato, una setta… Continua a leggere Piccole donne. Recensione in anteprima!

The Souvenir. Recensione in anteprima!

The Souvenir **1/2 Con The Souvenir, presentato in anteprima alla Berlinale 2019, Joanna Hogg prende in mano i suoi ricordi di gioventù e racconta la relazione tossica fra la giovane filmmaker Julie (Honor Swinton-Byrne) e Anthony, uomo carismatico ma instabile (Tom Burke). I due abitano la landa sospesa degli innamorati, una nuvola popolata da animaletti… Continua a leggere The Souvenir. Recensione in anteprima!

Un giorno di pioggia a New York. Recensione in anteprima!

Un giorno di pioggia a New York ** Per uno come Woody Allen, il cui nome viene associato istintivamente tanto al cinema quanto a una condotta sessuale... sbarazzina, continuare a proporre lungometraggi in cui le donne sono frivole, molto giovani - tanto da continuare a sfoderare un ID che certifica che hanno raggiunto i 21… Continua a leggere Un giorno di pioggia a New York. Recensione in anteprima!

Light of My Life

Light of My Life *** Va tutto bene, è un’avventura d’amore. Solo io e te. Ha debuttato durante la scorsa Berlinale e arriva nelle sale italiane il 21 novembre Light of My Life, il nuovo film diretto, sceneggiato, interpretato e prodotto – e poi anche basta – da Casey Affleck. Anno indefinito. Una piaga misteriosa… Continua a leggere Light of My Life

Venezia 2019. Colectiv

Colectiv *** Fuori concorso Gli ultimi giorni di Festival sono malinconici. Le sale iniziano a svuotarsi, c’è sempre meno anticipazione per i film, i visitatori trascinano i piedi e assumono l’aria pensosa di chi sta per dire addio all’ultima barriera fra l’estate e il ritorno alla routine. In questa fase calante è bello incappare in… Continua a leggere Venezia 2019. Colectiv

Venezia 2019. Babyteeth

Babyteeth **1/2 C’era una volta una principessa coi giorni contati che incontrò alla stazione del treno un principe azzurro strafatto. Fra i due nacque una storia d’amore senza lieto fine, disperata e problematica su più livelli. Milla (Eliza Scanlen) ha 16 anni, suona il violino e sta per iniziare il primo ciclo di chemioterapia quando… Continua a leggere Venezia 2019. Babyteeth

Venezia 2019. 45 Seconds of Laughter

45 Seconds of Laughter *** Fuori concorso Ci sono film melensi, che ti strappano un sorriso, ti fan star bene finché sei in sala e poi chi s'è visto s'è visto. Negli ultimi tempi i feel good movies vanno forte perché possiedono l'utilissima capacità di distrarre momentaneamente il pubblico da quel grande incendio in una… Continua a leggere Venezia 2019. 45 Seconds of Laughter