Berlinale 2020. Conferenza stampa di Volevo nascondermi

Dopo aver catturato l’ombra di Leopardi nel Giovane Meraviglioso di Mario Martone, Elio Germano è diventato Antonio Ligabue in Volevo nascondermi per Giorgio Diritti.

Sono a loro agio e sulla stessa lunghezza d’onda nel parlarne in conferenza stampa, in presenza dei produttori e della sceneggiatrice Tania Bordoni: “Questo lavoro è stato come creare un distillato”, spiega Diritti, “siamo partiti da un personaggio che porta con sé una miriade di aneddoti e dicerie, da lì abbiamo scremato fino a raggiungerne quella che ci sembra la sua essenza”.

Conferma Germano: “Ho fatto ricerche esclusivamente sul personaggio reale, più che su come è stato raccontato in altri media, da documentari a fiction a resoconti romanzati”.

Il tratto ricorrente e imprescindibile della sua vita è stata di certo la sua deformità fisica e mentale: “All’inizio ero incerto sulla possibilità di calarmi in questo individuo”, continua Germano, “poi ho cambiato prospettiva, ho iniziato a concentrarmi sulla sua energia vitale, sulla dignità suprema e senza compromessi del suo essere sbagliato.

A quel punto non si trattava più di recitare una deformità ma di viverla, essere il fuoco dentro un corpo che è un ammasso di ostacoli e problemi”.

Nonostante il portato tragico della sua biografia, spesso si sfocia nel comico: “I momenti umoristici sono dovuti al fatto che abbiamo lasciato il personaggio si esprimesse liberamente attraverso il film, come fosse ancora vivo”, spiega Germano, “come dice Pirandello, comicità o tragedia dipendono dalla distanza con cui si prende la materia. Non avevamo interesse a mostrare un personaggio disgraziato a tutti i costi, nella vita di tutti compaiono momenti di leggerezza, li abbiamo colti e amalgamati ad altri più densi e pesanti perché era naturale accadesse”.

Proprio questo realismo genuino fa inevitabilmente scattare una molla in chi vede la pellicola: “L’intenzione fondamentale di Ligabue è sempre stata quella di esprimersi”, chiude Bordoni, “era un uomo sensibile, in pieno contatto con le sue emozioni e per questo spesso vulnerabile. Un profilo con cui è facile identificarsi”.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.