Venezia 67: decimo giorno

Drei / Tre di Tom Tykwer ** Il regista tedesco torna nella madrepatria, dopo i kolossal Profumo e The International, per dirigere una commedia sentimentale nella quale lui e lei, dopo vent'anni di convivenza, senza figli, si  innamorano entrambi dello stesso uomo. La preda Adam, industriale del ramo farmaceutico e finanziatore di una ricerca sulle cellule staminali, è bello, ricco,… Continue reading Venezia 67: decimo giorno

Venezia 67: nono giorno

La solitudine dei numeri primi di Saverio Costanzo * Il film di Costanzo puzza. Sì, puzza: puzza di letteratura di terz'ordine, puzza di esistenzialismo vuoto.puzza di una storia ricattatoria e falsissima. Il lettore ci perdonerà la mancata lettura del best seller di Paolo Giordano, ma questo adattamento cinematografico suona stonatissimo: quello che forse nelle pagine… Continue reading Venezia 67: nono giorno

Venezia 67: ottavo giorno

Sorelle mai di Marco Bellocchio *** Bellocchio ci regala un piccolo gioiello, girato a Bobbio, per un paio di settimane all'anno, nel corso degli ultimi 10 anni, mettendo in scena le sue sorelle, suo figlio, i suoi attori ed amici, in un film familiare, che vede al centro due fratelli che cercano faticosamente di fare… Continue reading Venezia 67: ottavo giorno

Venezia 67: settimo giorno

Promises written in the water di Vincent Gallo * Ecco il film che non avremmo voluto vedere nel concorso della Mostra. Una cosetta onanistica di Vincent Gallo, che appare non scritta, girata in un paio di pomeriggi liberi e montata svogliatamente da un software, randomly. La scena finale con un insistito nudo integrale dell'attrice protagonista… Continue reading Venezia 67: settimo giorno

Venezia 67: sesto giorno

Il fosso di Wang Bing *** Il film a sorpresa di questa edizione è un severo film cinese, che ricostruisce senza omettere alcun dettaglio, i campi di lavoro nel deserto del Ghobi, al quale erano costretti negli anni '60 i dissidenti politici del regime di Mao ed anche coloro che erano stati semplicemente accusati di avere… Continue reading Venezia 67: sesto giorno

Venezia 67: quinto giorno

Hai paura del buio di Massimo Coppola **1/2 Bell'esordio del vj di MTV, che coraggiosamente mette da parte qualsiasi suggestione televisiva, per oi occuparsi di una giovane ragazza rumena, che decide di raggiungere Melfi, dopo che la sua fabbrica ha chiuso i battenti. Trovera' ospitalita' in una famiglia locale ed un fidanzato, ma c'e' di… Continue reading Venezia 67: quinto giorno

Venezia 67: quarto giorno

Potiche di Francois Ozon ** Ozon ha, come alcuni altri registi, una maniera maggiore ed una minore. Affilato, anticonformista, arrabbiato nei suoi drammi sentimentali, leggero, colorato e fuori tempo nelle sue commedie in costume. Qui siamo dalle parti della farsa, con una caricatura degli anni '70: lotte in fabbrica, comunisti costro capitale, donne contro uomini,… Continue reading Venezia 67: quarto giorno

Venezia 67: terzo giorno

I baci mai dati di Roberta Torre *1/2 E' la storia di un miracolo, quella del nuovo film di Roberta Torre. In un quartiere periferico di Catania, vive una famiglia disfunzionale: padre, allenatore di calcio fallito, madre, casalinga disperata, due figlie adolescenti dal carattere opposto. La loro vita sarà stravolta perchè Manuela, la ragazza più… Continue reading Venezia 67: terzo giorno

Venezia 67: secondo giorno

Wanda di Barbara Loden ** Marco Mueller presenta, con una certa enfasi, il restauro a cura della Film Foundation di Martin Scorsese, dell'opera unica della moglie di Elia Kazan, premiata a Venezia quarant'anni fa e mai distribuita in sala. Il film, interpretato dalla stessa regista nel ruolo del titolo, risente tanto dell'improvvisazione creativa di Cassavetes,… Continue reading Venezia 67: secondo giorno

Venezia 67: il primo giorno

  La Belle Endormie di Catherine Breillat *1/2 Il film di apertura della sezione Orizzonti è una trasposizione della fiaba di Perrault nello spirito dissacrante della regista francese: la strega cattiva lancia un incantesimo sulla piccola principessa Anastasia, che è destinata a dormire per 100 anni ed a risvegliarsi adolescente. La Breillat mette in scena… Continue reading Venezia 67: il primo giorno

Venezia 67: Black Swan

  Black Swan di Darren Aronofsky *** I film di apertura di un festival sono sempre compromessi possibili, tra le istanze di promozione della rassegna, la disponibilità delle produzioni a finanziare la cerimonia, il richiamo glamour dei divi e buon ultimo il valore innovativo dell'opera presentata. Queste complicatissime alchimie raramente lasciano il segno, ma occorre… Continue reading Venezia 67: Black Swan

La passione di Carlo Mazzacurati: il primo poster

Ecco il primo poster del nuovo film di Carlo Mazzacurati, in concorso sul Lido. La passione è la storia di Gianni Dubois, regista emergete di cinquant'anni, che non fa un film da anni, e adesso che avrebbe la possibilità di dirigere una giovane stella della tv non riesce nemmeno a farsi venire in mente una storia. Come… Continue reading La passione di Carlo Mazzacurati: il primo poster

The tempest – Ecco la prima locandina

The tempest chiuderà la Mostra di Venezia. Il nuovo film di Julie Taymor (Across the Universe) è una rilettura particolare del testo shakespeariano, con Helen Mirren nel ruolo di Prospero(a). Accanto a lei Djimon Hounsou, David Strathairn, Alan Cumming, Alfred Molina, Chris Cooper, Ben Whishaw e Felicity Jones.