Bohemian Rhapsody e Green Book vincono i Golden Globes. Alfonso Cuaron miglior regista

Molti vincitori e premi divisi ai 76° Golden Globes, di solito la cerimonia più rilassata e divertente di Hollywood, ospitata nella sala da ballo del Beverly Hilton.

Quest’anno tuttavia è stata assai meno divertente del solito: la coppia di presentatori, Andy Samberg e Sandra Oh, è riuscita a leggere tutto il lunghissimo e fiacco monologo introduttivo, senza strappare mai una risata. I soli speech interessanti sono stati quello clamoroso di Christian Bale, veramente fenomenale, premiato come miglior attore per Vice, quello di Rami Malek che è riuscito a ringraziare tutti, tranne i due registi di Bohemian Rhapsody, ignorati peraltro anche dal produttore Graham King e di Glenn Close, che, sinceramente stupita di aver vinto per The Wife, dopo una carriera lunga 45 anni.

Bohemian Rhapsody, il film tutto falso e senza regista, si è aggiudicato il premio di miglior film drammatico della stagione, con Remi Malek premiato per la sua interpretazione di Freddy Mercury.

Green Book, parimenti attaccato dagli eredi di Don Shirley, per aver completamente travisato la realtà, ha invece vinto tra le migliori commedie, per il miglior attore non protagonista con Mahersala Ali e addirittura per la sceneggiatura (!).

Tuttavia Peter Farrelly ha chiuso la serata con un discorso molto inclusivo, a cuore aperto, che certamente non gli alienerà i voti di molti membri dell’Academy: le quotazioni di Green Book per gli Oscar mi sembra siano aumentate.

Roma di Alfonso Cuaron, candidato solo in tre categorie ha vinto tuttavia in quelle più importanti, per la migliore regia e il miglior film straniero. E’ molto probabile che il messicano ripeta l’exploit anche agli Oscar.

Premiata anche Olivia Colman per La favorita, che ha ringraziato le sue due bitches, Rachel Weisz e Emma Stone.

I due non protagonisti sono invece di colore: il sontuoso Mahersala Ali appunto e Regina King per Se la strada potesse parlare.

Scampato quasi interamente il pericolo-Lady Gaga: per lei, vestita tutta di azzurro con uno strascico vaporoso lungo tre metri, e per il telefonatissimo A Star Is Born, solo il premio per la canzone. sufficiente per ridurla in lacrime già ad inizio serata.

Nulla al sopravvalutatissimo Black Panther e al ritorno di Mary Poppins. Anche Spike Lee rimane, purtroppo, a mani vuote.

A Spider-Man: un nuovo universo il premio per l’animazione.

Per i premi televisivi successi per l’ultima stagione di The Americans, per la commedia The Kominsky Method e per The Assassination of Gianni Versace. Non molto coraggiosi neanche in questa occasione i Globes. Anzi…

Di seguito tutti i vincitori e i link alle nostre recensioni:

CINEMA

Best Motion Picture – Drama
Bohemian Rhapsody

Best Motion Picture – Musical or Comedy
Green Book

Best Director – Motion Picture
Alfonso Cuaron, Roma

Best Performance by an Actor in a Motion Picture – Drama
Rami Malek, Bohemian Rhapsody

Best Performance by an Actress in a Motion Picture – Drama
Glenn Close, The Wife

Best Performance by an Actor in a Motion Picture – Musical or Comedy
Christian Bale, Vice

Best Performance by an Actress in a Motion Picture – Musical or Comedy
Olivia Colman, The Favourite

Best Performance by an Actor in a Supporting Role in Any Motion Picture
Mahershala Ali, Green Book

Best Performance by an Actress in a Supporting Role in Any Motion Picture
Regina King, If Beale Street Could Talk

Best Screenplay – Motion Picture
Green Book by Peter Farrelly, Nick Vallelonga, Brian Hayes Currie

Best Original Score – Motion Picture
First Man, Justin Hurwitz

Best Original Song – Motion Picture
Shallow from A Star Is Born

Best Animated Feature Film
Spider-Man: Into the Spider-Verse

Best Foreign-Language Film
Roma

Cecil B.De Mille Lifetime Achievement

Jeff Bridges

TV

Best Drama Series
The Americans (FX)

Best Comedy or Musical Series
The Kominsky Method (Netflix)

Best TV Movie or Limited Series
American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace (FX)

Best Actor in a Drama Series
Richard Madden (Bodyguard)

Best Actress in a Drama Series
Sandra Oh (Killing Eve)

Best Actor in a Comedy Series
Michael Douglas (The Kominsky Method)

Best Actress in a Comedy Series
Rachel Brosnahan (The Marvelous Mrs. Maisel)

Best Actor in a TV Movie or Limited Series
Darren Criss (American Crime Story: The Assassination of Gianni Versace)

Best Actress in a TV Movie or Limited Series
Patricia Arguette (Escape at Dannemora)

Best Supporting Actor in a Series, TV Movie or Limited Series
Ben Whishaw (A Very English Scandal)

Best Supporting Actress in a Series, TV Movie or Limited Series
Patricia Clarkson (Sharp Objects)

 

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.