Timbuktu trionfa ai Cèsar. Kristen Stewart è la prima attrice americana a vincere

Sissako-1280X640

E’ un trionfo del politically correct a segnare la cerimonia dei César francesi, con Timbuktu, il film del regista mauritano Abderrahmane Sissako ad aggiudicarsi ben 7 premi, tra cui quello per il miglior film, la miglior regia e la migliore sceneggiatura originale.

Troppo forte e vicina la tragedia a Charlie Hebdo: il film di Sissako che descrive l’assedio immaginario di Timbuktu da parte di stupidi e sanguinari terroristi islamici è sembrato il modo migliore per riaffermare la necessità di una convivenza possibile e non violenta.

Sorprese anche sul fronte degli attori con Pierre Niney che batte Gaspard Ulliel come Yves Saint-Laurent nella corsa al miglior attore e la sconosciuta Adèle Haenel che supera Juliette Binoche e Marion Cotillard.

Kristen Stewart, premiata come non protagonista per Sils Maria è la prima attrice americana a vincere un César.

Sorpresa per il miglio film straniero che va a Xavier Dolan con Mommy.

1743769-sipa-00705675-000058

Ecco tutti i premi:

Miglior film: Timbuktu di Abderrahmane Sissako
Miglior attrice: Adele Haenel, Les Combattants
Miglior attore: Pierre Niney, Yves Saint Laurent
Miglior attore non protagonista: Kristen Stewart, Sils Maria
Miglior attore non protagonista: Reda Kateb, Hippocrate
Miglior regista: Abderrahmane Sissako, Timbuktu
Miglior sceneggiatura non originale: Cyril Gely, Volker Schlondorff – Diplomatie
Miglior sceneggiatura originale: Abderrahmane Sissako, Kessen Tall – Timbuktu
Miglior film straniero: Mommy di Xavier Dolan
Miglior Documentario: Il sale della terra di Wim Wenders, Juliano Ribeiro Salgado
Miglior film d’animazione: Minuscule – La Vallee Des Fourmis Perdues di Thomas Szabo and Helene Giraud
Miglior fotografia: Sofian El Fani, Timbuktu
Miglior montaggio: Nadia Ben Rachid, Timbuktu
Miglior scenografia: Thierry Flamand, La Belle Et La Bete
Migliori costumi: Anais Romand, Saint-Laurent
Miglior suono: Philippe Welsh, Roman Dymny, Thierry Delor – Timbuktu
Miglior colonna sonora: Amine Bouhafa, Timbuktu
Miglior debutto: Les Combattants di Thomas Cailley
Miglior promessa femminile: Louane Emera, La Famille Belier
Miglior promessa maschile: Kevin Azais, Les Combattants

 

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.