First Cow in testa alla top ten dei Cahiers du Cinema

Come ogni anni la top ten dei Cahiers fa discutere e riflettere.

In testa c’è una donna, Kelly Reichardt con il suo bellissimo First Cow, visto a Berlino 2020 e poi inghiottito dal Covid.

Seguono due film fragili e irrisolti, secondo noi di Stanze, Annette di Carax e Memoria di Apichatpong.

Quindi il bellissimo Drive My Car di Hamaguchi e un altro film completamente sbagliato France di Dumont.

Ma si sa. I Cahiers sono gli ultimi alfieri di una politiques des auteurs integralista: una volta che si entra nella cerchi dei suoi beniamini, non se ne esce molto facilmente.

Così come dimostra la presenza di The French Dispatch di Wes Anderson, puro esercizio di maniera o quella dello sconclusionato Benedetta di Verhoeven.

Di seguito l’immagine dell’annuncio ufficiale:

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.