IT divora il box office italiano, Tyler Perry apre in testa negli USA

IT, l’horror di Andres Muschietti, tratto dal romanzo di Stephen King del 1986, si prende la vetta dell’anemico box office italiano e con 6,5 milioni incassati in quattro giorni si installa in vetta e in solitaria, lasciandosi alle spalle Loving Vincent, il documentario su Van Gogh uscito solo tre giorni a metà settimane con grandissimo successo e un incasso di 1,2 milioni, quindi Blade Runner 2049, che regge al terzo posto con 967.000 euro e un totale che ha raggiunto i 4,8 milioni di euro.

Gli eccellenti dati italiani vanno a rimpolpare il bottino complessivo di IT, che sinora può vantare un totale di 651 milioni di dollari nel mondo e non è ancora uscito in Cina e Giappone.

L’uomo di neve è quarto con 887.000 euro mentre l’animazione Monster Family è quinto con 736.000.

Gli altri cinque film della top ten sono vicinissimi intorno ai 300.000 euro, compreso La battaglia dei sessi, solo nono all’esordio.

Negli USA invece è il nuovo film di Tyler Perry – il Boldi-De Sica di colore – a conquistare la testa del botteghino con 21 milioni di dollari, lasciandosi alle spalle il catasfrofico Geostorm con 13,3.

Crolla l’horror della Blumhouse Happy Death Day (Auguri per la tua morte) a 9,3 milioni e 40 complessivi, segno che ormai quello che conta è la firma di Jason Blum, non tanto il valore del singolo progetto.

Quarto posto per il bistrattato Blade Runner 2049 che raggiunge 74 milioni negli usa e 194 milioni worldwide, senza Cina e Giappone, dove il film deve ancora uscire: non saranno i dati che Alcon e Sony auspicavano, ma è difficile parlare di flop. I due produttori se la caveranno senza perdite. Chi rischia di più è la Warner, che distribuisce il film negli States.

Malissimo L’uomo di neve che apre ottavo con soli 3,4 milioni. Ma d’altronde è così impresentabile che era difficile fare di più.

In limited release, discrete aperture per due film reduci dal festival di Cannes: The Killing of a Sacred Deer di Yorgos Lanthimos, con una media di 28.000 dollari per sala e Wonderstruck di Haynes, con una media di 17.000 dollari.

 

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...