Brasile 2014: come sopravvivere ai mondiali di calcio?

starlight-cinema-brazilian-festa1

Il prossimo 12 giugno alle 22 ora italiana, con Brasile – Croazia, cominceranno gli attesissimi XX mondiali di calcio.

Il 14 debutta la nostra nazionale con l’Inghilterra e poi per un mese esatto, fino al 13 luglio, ci fermeremo tutti ad ammirare il bel gioco delle star e le sorprese degli outsiders.

Il botteghino, complice il caldo estivo, già ne ha risentito. Sarà sempre peggio? Forse no.

Questo post vuole essere d’aiuto a tutti coloro che, pur appassionati del gioco, vogliano ogni tanto staccare la spina e concedersi qualche ora a cinema, per riprendere fiato dall’orgia calcistica che ci attende.

Seguirà invece un secondo post per i cinefili tifosi, dedicato ai migliori film sul calcio.

Cominciamo con un po’ di partigianeria, segnalandovi il Lake Como Film Festival, giunto alla sua seconda edizione. Film di cinema e paesaggio, classici, doc, novità ed anteprime, sulle sponde del Lago di Como, dal 21 giugno al 25 luglio. Tutto open air! Qui il programma dettagliato.

Quindi un rapido excursus nelle uscite del prossimo mese, che riservano molte sorprese interessanti, a partire da Le weekend, con Jim Broadbent e Lindsey Duncan. Due insegnati di inglese, sposati da 30 anni, cercano di ritrovare l’emozione di stare assieme, nel corso di un finesettimana parigino. Dal regista di Notting Hill, una commedia deliziosa, per un pubblico felicemente conservatore.

Più scontato sembra essere Rompicapo a New York, di Cedric Klapisch, con un cast quasi tutto francese, ma girato a New York:  Romain Duris, Audrey Tautou, Cécile De France, Kelly Reilly, Sandrine Holt. Intrighi sentimentali all’ombra della Grande Mela.

Radicalmente diverso è invece The Congress di Ari Folman (Valzer con Bashir): un film di fantascienza a metà tra animazione e live action, nel quale l’attrice Robin Wright, interpreta una diva, convinta a cedere il proprio avatar ad una major che lo sfrutterà per infinite produzioni future. Il film è farraginoso, contorto, onirico. Disegna un futuro inquietante di oblio e dissimulazione. Non riuscito, ma comunque interessante.

In uscita anche il documentario sulle Femen, titolato in italiano L’Ucraina non è in vendita e presentato in anteprima a Venezia 70. Uno sguardo femminista e femminile sullo sfruttamento del corpo delle donne.

Da mercoledì 18 giugno arriverà poi Jersey Boys di Clint Eastwood. Dopo il controverso J.Edgar, dedicato ad Hoover, il grande vecchio del cinema americano ha deciso di riportare in vita la storia di Frankie Valli e dei Four Seasons. Il suo è un film musicale, più che un musical, che prende spunto dal lavoro presentato a Broadway nel 2005 e premiato con il Tony Award.

Quanto c’è degli antieroi sconfitti di Eastwood nei Four Seasons lo scopriremo dal 18 giugno.

Dopo sei anni di purgatorio, nello stesso weekend, uscirà nelle sale grazie alla BIM anche Synecdoche New York di Charlie Kaufman (Essere John Malkovich, Il ladro di orchidee, Se mi lasci ti cancello), interpretato da Philip Seymour Hoffman, nei panni di un regista teatrale deciso a ricreare la complessità della sua vita in uno studio di posa, che diventa sempre più grande.

Molto più leggera la commedia di Nick Cassavetes, Tutte contro lui, con Cameron Diaz e Kate Upton: quando la protagonista scopre che il suo nuovo fidanzato in realtà ha già una moglie, le due donne si coalizzano per una vendetta crudele…

Movies Inspired lancia invece uno dei film più interessanti e sorprendenti di Venezia 70, La gelosia di Philippe Garrell. 70 minuti autobiografici, dalla parte di una bambina. Louis Garrell e Anna Mouglalis sono i due adulti. Da riscoprire assolutamente. Anche solo per lo splendido bianco e nero.

Arriva in sala anche Gebo e l’ombra, l’ultimo film del centenario Manoel De Oliveira: una conversazione a quattro con Claudia Cardinale, Jeanne Moreau, Michael Lonsdale e Leonor Silveira. Forse non aggiunge nulla alla grandezza del suo autore, ma è un altro piccolo gioiello estivo.

Il 25, 26 e 27 giugno torna invece a cinema, il capolavoro di Hayao Miyazaki, La città incantata, premiato con l’Oscar dieci anni fa. La piccola Chihiro si trova improvvisamente catapultata in un mondo di fantasia, popolato dalle divinità tradizionali giapponesi. I genitori si sono trasformati in maiali e lei potrà contare solo sulle sue forze, per ritrovare la strada di casa… Imperdibile.

Grazie ad I Wonder Pictures arriva finalmente in sala Stories We Tell di Sarah Polley, l’attrice diventata regista, che si diverte a mettere in scena le storie della sua famiglia, tra verità e menzogna. Un documentario modernissimo e affascinante. Dal 26 giugno al cinema.

Per chiudere la carrellata, tre film in uscita subito dopo i mondiali.

Transformers 4 di Michael Bay con un cast tutto nuovo ma sempre i soliti Autobot e Decepticon. Cosa ci si può attendere dal regista americano, se non scontri sferraglianti, montaggio iperbolico, corpi levigati e psicologie un tanto al kilo?

Quindi il film più curioso di tutto il lotto: David Lynch che dirige un film concerto sui… Duran Duran.

Non è uno scherzo. E’accaduto davvero il 23 marzo 2011, in occasione del concerto che la band tenne al Mayan Theater di Los Angeles. Duran Duran: Unstaged uscirà nelle sale dal 21 luglio.

Il 30 luglio infine Il pianeta delle scimmie – Revolution. Il sequel de L’alba del pianeta delle scimmie ha cambiato regista, Matt Reeves, e gran parte del cast, guidato da Gary Oldman, Keri Russell, Andy Serkis, Jason Clarke.

Il film è ambientato quindici anni dopo gli eventi del primo episodio ed è incentrato su un gruppo di scienziati che stanno cercando di sopravvivere ad un virus devastante, rilasciato dieci anni prima.

Nel frattempo Caesar cerca di mantenere il controllo sul regno delle scimmie, ormai geneticamente evolute. Ma dopo aver raggiunto una pace precaria ed effimera, la guerra tra le due fazioni si riaccende…

Come potete vedere ce n’è davvero per tutti. I distributori ci credono e non hanno lesinato novità ed anteprime. Troveranno il loro pubblico? Ce lo auguriamo.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.