Habemus Papam è il film dell’anno per i Cahiers

Prestigioso riconoscimento per il film di Nanni Moretti: Habemus Papam si è imposto nel referendum della notissima rivista francese.

I Cahiers du Cinema ci propongono una classifica molto cinefila, altrettanto discutibile ed un po’ troppo casalinga, con almeno tre topiche clamorose: il comico (involontario) Un été brûlant di Garrel, visto a Venezia, Hors Satan di Dumont, nonchè L’apollonide di Bonello, tra le cose peggiori viste a Cannes 2011.

E’, in generale, una selezione di nomi vecchi, un poco polverosi, che hanno il loro posto nella storia del cinema, ma i cui ultimi film non aggiungono molto al loro percorso artistico. Vale per Moretti come per De Oliveira, per Skolimowski come per Von Trier o Garrell.

Anche la classifica dell’anno passato premiava opere intransigenti ed un po’ fuori dal tempo come Lo Zio Boonmee di Apitchapong, Il cattivo tenente di Herzog e Film Socialisme di Godard.

In ogni caso ecco i primi dieci, con molti ex aequo.

1. Habemus Papam (We Have a Pope), Nanni Moretti

2. L’Etrange affaire Angélica (The Strange Case of Angelica), Manoel de Oliveira

4. Hors Satan (Outside Satan), Bruno Dumont

6. Melancholia, Lars von Trier

8. Super 8, JJ Abrams

  • L’Apollonide (Souvenirs de la maison close) (House of Tolerance), Bertrand Bonello
Annunci

Un pensiero riguardo “Habemus Papam è il film dell’anno per i Cahiers”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.