Crimes of the Future

Crimes of the Future *1/2

“Non sono bravo con il vecchio sesso”

Dopo otto anni di pausa e un ritiro annunciato e poi revocato, David Cronenberg gira in un’Atene anonima, di pura necessità coproduttiva il suo Crimes of the Future, riprendendo un soggetto vecchio vent’anni e lasciando intendere di essere tornato al body horror che periodicamente ha innervato il suo cinema di ossessioni carnali.

In un futuro imprecisato gli uomini hanno anestetizzato il dolore quasi del tutto e l’evoluzione fa crescere nuovi organi senza utilità nei corpi di alcuni. Questo provoca scandalo, sperimentazione e burocrazia al contempo.

Un bambino su una spiaggia su cui si è arenato l’enorme relitto di una nave da crociera, raccoglie i rifiuti della nostra civiltà: la madre lo ammonisce di non mangiare nulla di quanto raccolto. Richiesta vana perchè subito dopo essersi lavato i denti, il piccolo addenta e deglutisce il cestino di plastica posto sotto il lavandino.

La madre sconvolta, lo soffoca nel sonno con un cuscino. Il suo corpo tornerà solo alla fine, chiudendo circolarmente il film, che ha tuttavia due protagonisti diversi, una coppia di performance artists: Saul Tenser e Caprice.

Lei è un ex chirurgo, lui un artista a cui crescono organi interni, che si fa asportare nei suoi show, dopo averli tatuati.

Il registro nazionale degli organi, ufficio ancora segreto, lo contatta per saperne di più: qui lavorano il capo Wippet e la giovane assistente Timlin, che sembra infatuata di Tenser e dei suoi show.

Attorno ai due protagonisti ruotano dottori che si offrono di aumentare la crescita degli organi tumorali, altri performer e i loro pr, tecnici di una ditta specializzata in letti e sedute rigeneranti, che Tenser usa a casa e nei suoi show. Tra questi c’è il Sark, un enorme sarcofago nato per le autopsie, che viene usato da Caprice per praticare le sue operazioni-performance.

La polizia del New Vice cerca di tenere le cose sotto controllo e Tenser condivide con loro le informazioni che raccoglie nel demi-monde di coloro che a cui crescono i nuovi organi.

Quando l’artista viene contattato dal padre del bambino dell’inizio, scopriamo il suo progetto eugenetico e come questo influirà sugli enormi problemi di deglutizione che Tenser accusa sin dall’inizio.

Cronenberg prometteva scandalo, fughe dopo i primi cinque minuti, un finale orgiastico. Purtroppo di disturbante non c’è davvero nulla. Il film anzi è del tutto inerte, vuoto, rimastica noiosamente l’immaginario del regista, ripescando il solito décor scabro e tetro, i soliti oggetti antropomorfi.

E’ tutta maniera, anche piuttosto svogliata. I personaggi vaneggiano una sceneggiatura che costeggia sempre il ridicolo. Mortensen rauco fino all’ultima inquadratura è vestito con cappa e cappuccio come Palpatine, la Stewart ha il ruolo idiota della groupie, sempre sovreccitata, gli altri sono anonimi di passaggio, mentre l’unica a salvarsi è la Seydoux, che sembra avere qualcosa da dare al suo personaggio, almeno in termini di fisicità languida ed esprit maudit.

La chirurgia è il nuovo sesso” dicono i personaggi, incapaci di praticare quello old style. Ma basterà farsi impiantare una zip sullo stomaco per suscitare qualche brivido erotico?

Cronenberg se la prende con le performance dei body artist? Con il desiderio chirurgico di cambiare noi stessi? Con il culto del corpo, sempre più asettico e incapace di affettività? Oppure ci vuole ammonire sulla deriva della medicina genetica?

Il sostrato filosofico invece è sempre lo stesso, ridotto a bigino. Alla fine, sia detto ironicamente, ma non troppo, tutto si risolve in un problema di alimentazione e intolleranze.

La cosa più grave forse per un regista di ottant’anni che aveva già abbandonato il suo mestiere è riprenderlo senza avere davvero nulla da dire.

Crimes of The Future è come la plastica ingurgitata dal ragazzino all’inizio. Indigeribile.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.