La notte degli Oscar: la diretta blog di Stanze di Cinema!

The_Oscars_2014-86th_Academy_Awards-Cover

Anche quest’anno seguiremo in diretta blog per voi la Notte degli Oscar.

Sul sito troverete l’aggiornamento costante dei premi, i primi commenti e le curiosità dal palco del Dolby Theatre di Los Angeles.

E poi le foto dei vincitori, i discorsi più significativi e tutto quello che rende unica la cerimonia degli Academy Awards, presentata da Ellen Degeneres.

Dalle 2.30 in diretta. Anche qui su Stanze di Cinema.

____________________________________

L’86° Notte degli Oscar si apre con Ellen Degeneres sul Palco del Dolby Theater. Il classico numero da stand up comedian introduce lo show, ma niente balletti o video particolari.

La Degeneres ne ha per tutti, dalla pioggia della California a June Squibb nominata ad 86 anni da Meryl Streep arrivata alla diciottesima candidatura a Jennifer Lawrence che cade quando sale il palco per ritirare i premi…

Leto

Dopo aver preso in giro anche 12 anni schiavo presenta la prima presentatrice Anne Hathaway, per l’Oscar al miglior attore non protagonista: Jared Leto per Dallas Buyers Club che dà il tono giusto a tutta la serata ricordando le rivolte in Ucraina e Venezuela e dedica il premio a coloro che hanno perso alla battaglia contro l’AIDS ed a sua mamma, una single mother che ha cresciuto lui e suo fratello spingendoli ad essere creativi.

E’ il turno di Jim Carrey che introduce un filmato sugli eroi d’animazione.

Carrey

Kerry Washington sale sul palco per presentare Happy di Pharrell William, da Cattivissimo me 2.

Samuel L. Jackson e Naomi Watts presentano il premio per i migliori costumi. E l’Oscar va a a Catherine Martin per The Great Gatsby. E’ il suo terzo Oscar e lo dedica al marito Baz Luhrman.

Per il Make up invece i vincitori sono Adruitha Lee e Robin Mathews per Dallas Buyers Club.

Harrison Ford presenta i primi tre film nominati per il miglior film: American Hustle, Dallas Buyers Club e The Wolf of Wall Street.

Channing Tatum presenta un programma dell’Academy per talenti delle nuove generazioni.

Ellen Degeneres scherza con Bradley Cooper appena sconfitto nella categoria miglior attore non protagonista e gli regala un paio di gratta e vinci…

Kim Novak e Matthew McConaughey sul palco per il premio alle migliori animazioni: per i cortometraggi il vincitore è Mr. Hublot di Laurent Witz e Alexandre Espigares.

Per i lungometraggi il vincitore è Frozen di Chris Buck, Jennifer Lee e Peter Del Vecho.

Sul palco Sally Field che introduce un filmato sugli eroi nel cinema.

Joseph Gordon Levitt ed Emma Watson presentano il premio ai migliori effetti speciali visivi e l’Oscar va naturalmente a Gravity Tim Webber, Chris Lawrence, Dave Shirk and Neil Corbould.

Karen O suona la canzone Moon Song  scritta per Her – Lei di Spike Jonze.

Kate Hudson e Jason Sudeikis presentano l’Oscar per il miglior cortometraggio: Helium di Anders Walter e Kim Magnusson.

Mentre il miglior cortometraggio documentario è The Lady in Number 6: Music Saved My Life di Malcolm Clarke e Nicholas Reed.

Bradley Cooper presenta il miglior documentario: 20 Feet from Stardom. La prima vera sorpresa della serata: The act of killing è stato chiaramente scippato…

Kevin Spacey presenta i premi alla carriera e per i contributi umanitari, consegnati durante la serata dei Governors Award a Steve Martin, Angela Lansbury, al nostro costumista Piero Tosi e ad Angelina Jolie.

Ci siamo: Ewan McGregor e Viola Davis presentano il premio al miglior film straniero. Ed il vincitore è: La grande bellezza! Paolo Sorrentino ha riportato l’Oscar in Italia dopo 15 anni.

Sorrentino

Sul palco con lui Toni Servillo e Nicola Giuliano. Sorrentino ringrazia i suoi ispiratori: Federico Fellini, Diego Maradona, David Byrne e Martin Scorsese. E lo dedica alle sue due città, Roma e Napoli ed alla sua famiglia, la sua grande bellezza.

Tyler Perry presenta la seconda terna di film candidati al premio di miglior film: Nebraska, Her e Gravity.

Brad Pitt presenta gli U2 che cantano Ordinary Love scritta per il film Mandela Long Walk to Freedom.

Michael B.Jordan e Kristen Bell presentano gli Oscar alle innovazioni tecnologiche, assegnati in una serata separata.

Ellen Degeneres si scatta dei selfie in platea:

Oscar Selfie

Charlize Theron e Chris Hemsworth presentano i premi per il sonoro: per il sound mixing l’Oscar va al gruppo di Gravity Skip Lievsay, Niv Adiri, Christopher Benstead e Chris Munro.

Per il sound editing l’Oscar va a Glenn Freemantle per Gravity.

E il terzo Oscar per il film di Cuaron, che come prevedibile si sta imponendo in molte delle categorie tecniche.

Christoph Waltz sul palco per l’Oscar alla migliore attrice non protagonista. E la vincitrice è Lupita Nyong’o. Tutti in piedi per l’attrice di 12 anni schiavo che ringrazia, emozionatissima, Steve McQueen e naturalmente lo spirito di Patsey e di Solomon, i veri protagonisti della storia che loro hanno raccontato.

Lupita

Ellen Degeneres ha fatto portare le pizze e le distribuisce tra il pubblico dei vip delle prime file. La gag è simpatica.

Sul palco sale la presidente dell’Academy, Cheryl Boone Isaac che parla delle attività dell’Academy durante l’anno, mentre in platea si mangia…

Bill Murray e Amy Adams sul palco per il premio alla migliore fotografia. E l’Oscar va a Emmanuel Chivo Lubezki per Gravity. Un riconoscimento meritatissimo per il direttore della fotografia messicano che ha illuminato gli ultimi film di Terrence Malick.

Emmanuel Lubezki

Anna Kendrick e Gabourey Sidibe sul palco per il miglior montaggio. L’Oscar va ad Alfonso Cuaron e Mark Sanger per Gravity. E siamo così a 5 premi per l’odissea spaziale di Cuaron ed il suo primo premio personale della serata.

Cuaron Montaggio

Whoopi Goldberg ricorda Il Mago di Oz nel suo 75° anniversario. Pink canta alcuni dei temi del film.

Benedict Cumbebatch e Jennifer Garner premiano i migliori scenografi: il premio va a The Great GatsbyProduction Design Catherine Martin e Set Decoration Beverley Dunn.

Glenn Close presenta il montaggio In memoriam.

Goldie Hawn presenta gli ultimi tre candidati al premio di miglior film: Philomena, Captain Phillips e 12 anni schiavo.

John Travolta presenta l’ultima canzone nominata, Let It Go dal film Frozen.

Jamie Foxx e Jessica Biel sul palco per la miglior colonna sonora: vince Gravity di Steven Price, alla sua prima nomination.

La miglior canzone invece è: Let It Go dal film Frozen, Music and Lyric by Kristen Anderson-Lopez e Robert Lopez. Bellissimo il loro ringraziamento cantato in coppia.

Mancano ormai gli ultimi sei premi: quelli per la sceneggiatura, gli attori protagonisti, la regia e il miglior film.

Jonh Ridley

Robert De Niro e Penelope Cruz premieranno le migliori sceneggiature: per l’adattamento vince John Ridley per 12 anni schiavo.

Il miglior script originale è invece quello di Spike Jonze, per Her – Lei. Nessuna vera sorpresa sinora.

Spike Jonze

Sul palco Angelina Jolie e Sidney Poitier per presentare il premio al miglior regista. Un applauso lunghissimo li accompagna.

Ed il miglior director é: Alfonso Cuaron per Gravity. Settimo Oscar per il suo film e secondo personale questa sera per il regista messicano. Un lunghissimo elenco di ringraziamenti, in cui spiaccano Sandra Bullock “you’re Gravity“, George Clooney e i due colleghi Inarritu e Del Toro.

Cuaron

Come tradizione il miglior attore premiato l’anno scorso torna a premiare la migliore attrice di quest’anno. Sul palco Daniel Day Lewis.

E la migliore attrice è: Cate Blanchett per Blue Jasmine. Bellissimo il suo discorso che spazia da Woody Allen al teatro australiano, alle altre candidate.

Jennifer Lawrence presenta il premio al miglior attore: e l’Oscar va a Matthew McConaughey per Dallas Buyers Club in un magnifico smoking bianco che ringrazia Dio, suo padre ed il suo eroe: se stesso tra dieci anni. Un discorso del tutto strampalato…

McConaughey Oscar

Will Smith presenta l’Oscar per il miglior film dell’anno.

E l’Oscar va a 12 anni schiavo di Steve McQueen, prodotto da Brad Pitt, Dede Gardner, Jeremy Kleiner, Steve McQueen e Anthony Katagas.

Everybody deserves not only to survive but to live. This is the legacy of Solomon’s story.

12 anni schiavo

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.