Cannes 2021. A Hero

A Hero ***

Dopo il passo falso, in trasferta spagnola, di Tutti lo sanno, che aveva aperto Cannes nel 2018, il due volte Premio Oscar Asghar Farhadi torna in Iran, nel suo Paese, e il suo nuovo film ricomincia immediatamente a parlare il linguaggio adulto del suo cinema fatto di complessità morale, di scelte etiche, di incomprensioni culturali.

Lo diciamo subito: A Hero non è forse al livello dei suoi capolavori Una separazioneIl cliente o lo stesso Il passato, ma è costruito con la stessa sensibilità psicologica, la stessa abilità drammaturgica, la stessa intelligenza sociologica.

Il protagonista è Rahim, in carcere per un debito contratto con uno strozzino, necessario per avviare la sua attività. Quando il socio con cui voleva avviarla, lo abbandona a se stesso, è il padre della sua ex moglie, Braham, a ripagare la somma, come garante.

La nuova compagna di Rahim trova in strada una borsa piena di monete d’oro: durante un permesso, Rahim le fa valutare da un orafo e le offre a Braham come parziale risarcimento del suo debito, che gli eviti di ritornare in galera.

L’uomo però rifiuta, vuole la somma intera e pretende che la famiglia di Rahim garantisca per la differenza.

In un impeto di generosità, Rahim decide allora di affiggere dei cartelli in strada per restituire le monete al legittimo proprietario, indicando di contattarlo al numero di telefono del carcere.

Effettivamente una donna si fa viva, risponde alle domande sulla borsa e sul suo contenuto e va dalla sorella di Rahim in taxi per recuperarla, spiegando che sono i suoi risparmi di una vita e che neppure il marito, violento e abusivo, sa della loro esistenza.

Quando in carcere vengono a sapere del gesto di Rahim, attraverso giornali e social diventa un piccolo eroe di quartiere, ottiene una benemerenza pubblica e un associazione che si occupa di detenuti, si offre di fare una raccolta per aiutarlo a pagare il suo debito.

Braham tuttavia è riluttante, risentito e non riesce a credere che il suo debitore venga dipinto con toni così positivi.

Nel frattempo l’associazione trova a Rahim un posto in un ufficio pubblico, ma lì uno dei funzionari, anche sotto il peso dell’opinione pubblica, decide di verificare scrupolosamente la storia, facendo venire a galla piccole bugie, incongruenze, lati nascosti.

Il film di Farhadi è un nuovo dramma della verità e dell’inganno, in un Iran in cui si va in prigione per i debiti e in cui la pena di morte non è solo uno spettro lontano.

Il suo protagonista, Rahim, è un vinto, uno sconfitto dalla vita, che cerca silenziosamente di rimettersi in piedi, di trovare una strada.

Il peso del passato tuttavia è una catena da cui non riesce a liberarsi.

Non sapremo mai chi ha inviato all’associazione e al funzionario pubblico i messaggi che lo screditano. E’ stato il suo creditore? La famiglia della sua nuova compagna? Uno dei carcerati che sembra saperne molto? O la donna che ha recuperato le monete e che è poi sparita nel nulla?

Fa’ la cosa giusta, dicono.

Vale ancora, ma non basta, occorre anche saperla raccontare pubblicamente, gestendo invidie e gelosie altrui, oltre al peso delle reazioni social: una pubblica piazza sempre con il dito puntato.

Non siamo dentro una favola a lieto fine, le cose apparentemente semplici sono invece molto più complicate, e ciascuno agisce per motivi che rimangono sovente oscuri, irraggiungibili.

E così ogni piccola bugia diventa una menzogna, che definisce il carattere altrui una volta per tutte.  E la tutela affannosa della propria reputazione fa gioco su ogni buonsenso.

A Hero è un film che si muove attorno ai soldi, al denaro, ma è soprattutto un lavoro che parla di onore familiare, dignità personale, rispetto della parola data.

A Braham quello che sembra importare di più non sono i soldi che ha pagato allo strozzino di Rahim, ma il fatto che l’uomo abbia sprecato la dote della figlia, sposata e poi abbandonata.

Come sempre nel cinema di Farhadi, il non detto, le forze che rimangono sotterranee sono quelle più forti.

Così il semplice gesto morale di Rahim viene prima ingigantito, poi travolto dal discredito, trascinando l’uomo in un meccanismo più grande di lui, che non riesce a gestire e che non risparmia neppure suo figlio balbuziente, prima usato poi infine protetto, da chi intende speculare sulla sua tenerezza, per proteggersi.

Farhadi ritrova in questo film l’implacabilità dei suoi copioni migliori, la catena inesorabile degli eventi, che si muovono come spinti da una forza sotterranea, spesso incomprensibile.

Eppure, nonostante sia uno scrittore sopraffino, capace di articolare strutture drammatiche costruite in modo implacabile, il regista iraniano non è meno efficace nella messa in scena, nella direzione dei suoi attori, nella capacità di far emergere attraverso le immagini le derive di senso, i desideri inespressi dei suoi personaggi.

La sua regia non è meno raffinata, costruita spesso in modo da valorizzare dettagli, sguardi, piccoli gesti.

Nel film Rahim cerca un modo, una strada, ma finisce sotto scacco, incapace di trovare una soluzione per uscire da un labirinto che lo riconduce infine là dove l’avevamo incontrato nella prima scena.

Dopo le svisate spagnole, Farhadi conferma le sue qualità di scrittore, la forza etica del suo cinema, la complessità del suo sguardo, la sua dolente umanità, che riescono a trasformare un racconto complesso, che investe molti livelli diversi, in una storia limpida, cristallina.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.