The most personal is the most creative: il cinema di Bong Joon Ho

Subito dopo la sorprendente e inattesa vittoria di Parasite dell’Oscar per il miglior film e in occasione dell’uscita nelle sale italiane, dopo tredici anni, di Memorie di un assassino, abbiamo deciso di dare veste sistematica e di recuperare e integrare le recensioni,  scritte nel corso dell’ultimo decennio, dei sette lungometraggi, firmati da Bong Joon ho e dell’episodio del collettivo Tokyo.

Abbiamo pubblicato nei giorni scorsi pezzi su Barking Dogs Never Bite, Memorie di un assassino, The Host e Shaking Tokyo, corretto e ampliato quello su Madre, contenuto originariamente nel nostro diario di Cannes del 2009, e risistemato anche quello su Snowpiercer.

Uno dei grandi maestri del cinema coreano, fino a ieri trascurato dalla distribuzione italiana, ma amatissimo da noi di Stanze di Cinema, trova finalmente lo spazio che merita, anche su queste pagine.

Qui di seguito i link a tutte le recensioni:

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.