Berlinale 2019. All’israeliano Synonymes l’Orso d’Oro della 69° edizione

La giuria guidata da Juliette Binoche sembra aver messo d’accordo tutti, premiando con l’Orso d’Oro il bellissimo israeliano Synonymes di Nadav Lapid. Ad Ozon va quello d’argento e alla coppia del cinese di So Long, My Song i due premi per gli attori.

L’italiano La paranza dei bambini vince per la migliore sceneggiatura. Di seguito tutti i premi assegnati e i link alle nostre recensioni.

Seguiranno altri commenti dalla nostra inviata alla Berlinale, Sara Bresciani.

Orso d’oro per il miglior film: 
Synonymes di Nadav Lapid

Orso d’argento Gran Premio della Giuria: 
Grace à Dieu di Francois Ozon

Premio Alfred Bauer per l’innovazione:
System Crasher di Nora Fingscheidt

Orso d’argento per la miglior regia: 
Angela Schanelec per I Was at Home, But

Orso d’argento per la migliore attrice: 
Yong Mei per So Long, My Son

Orso d’argento per il miglior attore: Wang Jingchun per So Long, My Son

Orso d’argento per la miglior sceneggiatura:
Claudio Giovannesi, Maurizio Braucci e Roberto Saviano per La paranza dei bambini

Orso d’argento per il miglior contributo tecnico:
Rasmus Videbæk, per la fotografia di Out Stealing Horses

Premio per la migliore opera prima:
Oray di Mehmet Akif Buyukatalay

Premio per il miglior documentario:
Talking About Trees di Suhaib Gasmelbari
Menzione speciale: 
Ex Payé di Luiz Bolognesi

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.