Pablo Larrain sul set del suo nuovo film: Ema

L’ultima notizia su Pablo Larrain, uno dei più grandi registi di questo nuovo secolo, era relativa ad un progetto con Annapurna Pictures, da girare negli Stati Uniti e tratto da una storia vera accaduta dopo l’11 settembre: The True American avrebbe dovuto essere interpretato da Mark Ruffalo, Amy Adams e Kumail Nanjani.

Il progetto è confermato ma le riprese cominceranno solo nel 2019 ed allora Larrain, come accaduto anche due anni fa con Neruda e Jackie, ha deciso di occupare il tempo libero, tornando in patria per dirigere un nuovo film, prima di buttarsi nella seconda avventura americana.

E’ Indiewire a lanciare la notizia in esclusiva.

Il regista è in questi giorni a Valparaiso, sul set di Ema, un film che continuerà a scrivere durante le sei settimane di riprese, assieme al fidato Guillermo Calderon e al commediografo newyorkese Alejandro Moreno.

Così com’era accaduto anche con l’epocale Il Club, gli attori riceveranno le loro scene solo il giorno prima delle riprese, senza mai sapere come la storia si concluderà.

Ci saranno Gael Garcia Bernal, per la terza volta con Larrain dopo No e Neruda e la debuttante Mariana Di Girolamo come protagonisti: il primo nei panni di un commediografo di una compagnia di ballo locale, la seconda in quelli di sua moglie, un’insegnante. La loro famiglia si disgrega quando l’adozione di un bambino finisce male.

Neppure Bernal ha letto una riga del copione…

Il film sarà pieno di musica e di ballo, ma, secondo Larrain non sarà un musical: ”I think this is a melodrama, which I’ve never done before, where people’s affections for others are essential to the story. There’s a lot of music and a lot of scenes where people are basically sharing their feelings.”

Il film userà il lavoro del coreografo Josè Vidal di Valparaiso e ci saranno molti veri street dancers“It’s a way to transmit a message — it could be a political message, or a religious message, or a kind of vandalism. Instead of yelling, they go out and dance. They’re expressing themselves by leaving a trace on the city. It’s very visual.”

Dopo la trilogia dedicata agli anni di Pinochet e le riflessioni sulle istituzioni di potere, Larrain è pronto a scardinare anche l’istituzione familiare: “I just want to put in crisis the idea of what a family really is nowadays. I think that idea has changed in a way that’s unique and surprising. There’s a new understanding of the family dynamic that I would like to deal with as a reflection of the contemporary world.”

Nel cast ci saranno anche Paola Yanini e Santiago Cabrera.

Pablo Larrain con il fratello Juan de Dios hanno aperto una succursale della loro società di produzione, Fabula, a Los Angeles, dove produrranno The True American e dove stanno completando il remake di Gloria assieme a Sebastian Lelio, con il quale hanno appena vinto l’Oscar per Una donna fantastica.

“When you have the chance to work in a different industry the size of America’s, it’s nice to come back home to make a movie that might be smaller, but you never lose your integrity, or the feeling that you can’t protect the elements that really matter.”

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.