Cannes 2018. Long Day’s Journey Into Night

Long day’s journey into night ***1/2

Luo Hongwu returns to Kaili, the hometown from which he fled many years ago.
He begins the search for the woman he loved, and whom he has never been able to forget.

Il secondo film di Bi Gan, dopo l’acclamato esordio di Kaili Blues, premiato a Locarno nel 2015, è la conferma di quello che appare come il più importante talento dell’Ottava generazione cinese.

Long Day’s Journey Into Night è ad Un Certain Regard, ma per l’audacia narrativa e la forza visionaria avrebbe meritato forse il concorso ufficiale.

Il film è clamorosamente diviso in due parti.

Nella prima si racconta come in un prisma impazzito, che rimanda immagini lontane nello spazio e nel tempo, il ritorno a Kaili di Luo, un killer che manca dalla sua città natale da molti anni. E’ tornato per cercare la donna che ama e che non ha mai dimenticato, Wan.

Questa prima parte è un flusso continuamente interrotto di ricordi, flashback, personaggi che irrompono in scena e poi scompaiono, suggestioni lontane, emozioni e episodi quasi impossibili da seguire o ricostruire tradizionalmente. Quello che rimane dopo questa continua decostruzione narrativa è solo l’archetipo noir di un uomo che torna dal passato, in cerca dell’amore della sua vita.

Inutile cercare una logica razionale in quello che appare più compiutamente come un flusso di coscienza, continuamente interrotto e ripreso.

Poi improvvisamente Luo entra in un cinema mezzo diroccato, mette degli occhiali 3D – lo facciamo anche noi in sala – e il film cambia radicalmente. Comincia così uno straordinario, incredibile piano sequenza, lungo quasi un’ora, in cui Luo si aggira come in un sogno, in una sorta di cittadella fantasma, un ex carcere dove spera di trovare Wan. Comincia vincendo una partita a pung pong con un bambino, poi vola appeso ad una carrucola, quindi entra in un locale malfamato. Solo che la donna del suo passato sembra aver cambiato nome e non ricorda nulla. Capelli più corti, abiti diversi, gestisce una sala da biliardo e canta. Forse non è neppure Wan.

Il noir si fa ancora più romantico e maledetto, i personaggi vagano e volano letteralmente e con loro la macchina da presa, che li segue in un pedinamento che sembra non finire mai.

Siamo dalle parti del cinema di Lynch, dei grandi maestri dell’incubo e dell’inconscio. Ma il film non è estraneo anche alle atmosfere notturne e al romanticismo struggente e misterioso dei primi film di Wong Kar Wai. Bi Gan dice di essersi ispirato anche alla Promenade di Chagall.

Non sapremo mai se quello che stiamo vedendo è davvero accaduto o se è solo il parto di una mente febbrile e ossessiva.

Bi Gan però fa grande cinema, di pura emozione, di pura forma, che interroga lo spettatore lo mette alla prova con qualcosa di assolutamente unico, inconsueto, irrazionale.

E lo sfida a seguirlo pazientemente nel suo lungo viaggio attraverso una notte, capace di decostruire e ricostruire la vita dei suoi personaggi.

Il film di Bi Gan è una delle grandi scoperte di Cannes 71. Una di quelle opere magari imperfette, ma folgoranti, che segnano un’edizione.

Da non perdere.

CREDITS

BI Gan – Director
BI Gan – Script / Dialogue
YAO Hung-I – Director of Photography
DONG Jinsong – Director of Photography
David CHIZALLET – Director of Photography
LI Danfeng – Sound
LIU Qiang – Set decorator
QIN Yanan – Film Editor
LIM Giong – Music

CASTING

TANG Wei – WAN Qiwen
HUANG Jue – LUO Hongwu
CHANG Sylvia – Wildcat’s mother / Woman in red hair
LEE Hong-Chi – Wildcat
ZENG Meihuizi – Pager
CHEN Yongzhong – ZUO Hongyuan
LUO Feiyang – Wildcat(child)

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...