Venezia 2013. Traitors

traitors-la-locandina-283457

Traitors **1/2

Tangeri. Malika è una ragazza ambiziosa e determinata: di giorno lavora in un call center e la sera suona con il suo gruppo punk, in cerca del successo. Il padre ha un’officina di riparazioni, ma le cose vanno male e la sua famiglia rischia lo sfratto.

Una produttrice musicale la prende sotto la sua ala, ma per incidere un singolo occorrono i soldi per lo studio di registrazione di Casablanca.

Le ragazze del gruppo non hanno molto e Malika è appena stata licenziata: per raccimolare quanto è necessario non esita però a truffare un cliente in un night ed a riparare l’auto ad un noto trafficante di droga, contro il parere del padre.

Ma anche così non basta ed il trafficante le offre di fare da corriere della droga, guidando un auto imbottita di cocaina da trasportare in europa.

Assieme a lei un’altra ragazza, che fa questo lavoro da molti anni: è incinta di un bambino, vorrebbe farla finita, ma sa troppe cose e non può mollare.

Malika sulla via del ritorno escogiterà un piano perfetto per recuperare la sua libertà e per regalarla alla sua compagna di viaggio.

Il film di Sean Gullette, attore, produttore e sceneggiatore, amico  collaboratore di Darren Aronofsky, qui alla sua opera prima, dirige con mano solida un thriller inedito e coinvolgente, tutto al femminile, in un contesto particolare, come quello marocchino.

Chaimae Ben Acha è una Malika forte e determinata, che sfrutta le sue debolezze per mettere uno contro l’altro i signori della droga, in un gioco d’intelligenza e dissimulazione.

In un festival in cui troppi film si sono accontentati di buone iintuizioni non supportate da sviluppo adeguato in fase di scrittura e di messa in scena, un film come Traitors ne esce ancor più forte, grazie ad una storia perfettamente concepita, ad una direzione d’attori impeccabile e ad un senso del ritmo, che tradisce le origini americane del suo autore.

A Cannes hanno annunciato che Gullette inizierà presto le riprese del suo secondo film, Tangier, con Emile Hirsch, Kristin Scott Thomas, Jeremy Irons e Tony Shalhoub, prodotto dalla Protozoa di Aronofsky.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.