César: I miserabili miglior film, Polanski miglior regista

I César delle polemiche e delle proteste, del board direttivo dimessosi proprio alla vigilia della premiazione, di Brad Pitt che rinuncia al premio alla carriera, con il ministro della cultura costretto ad intervenire ancora, ben oltre le sue prerogative, si sono chiusi in modo incendiario, con la vittoria di Roman Polanski in entrambe le categorie in cui era nominato: miglior regista e miglior sceneggiatore con Robert Harris del suo L’ufficiale e la spia.

Adele Haenel e il cast di Ritratto della giovane in fiamme hanno abbandonato la sala, per protesta, nonostante Polanski fosse assente, come annunciato. Pochissima gloria per il film della Sciamma, che su dieci candidature vince solo per la migliore fotografia.

Per Polanski è il quinto César alla regia della sua lunga carriera dopo quelli per Venere in pelliccia, L’uomo nell’ombra, Il pianista, Tess. Nessun altro regista l’ha vinto più di due volte.

Il premio per il miglior film dell’anno è andato invece a I miserabili di Ladj Ly, al suo esordio dietro la macchina da presa, per un film sulle banlieu divise e la polizia razzista, a distanza di 25 anni da L’odio di Kassovitz. Oltre al miglior film I miserabili conquista il premio per il montaggio, per la miglior scoperta maschile e il César del pubblico.

I due migliori attori sono i bravissimi Roschdy Zem per Roubaix, une lumière di Desplechin e Anaïs Demoustier per Alice e il sindaco.

Fanny Ardant vince il suo secondo César a distanza di 23 anni per Belle Epoque,

Parasite ovviamente si impone come miglior film straniero e Bong e i suoi attori ringraziano in un filmato in bianco e nero, che sembra rubato ad un film di Hong Sang soo, in cui bevono e brindano alla vittoria.

Di seguito tutti i vincitori e i link alle nostre recensioni:

Miglior film: I miserabili di Ladj Ly, prodotto da Toufik Ayadi et Christophe Barral

Miglior regista: Roman Polański per L’ufficiale e la spia

Miglior attore: Roschdy Zem per Roubaix, une lumière

Miglior attrice: Anaïs Demoustier per Alice e il sindaco

Miglior attore non protagonista: Swann Arlaud per Grazie a Dio

Miglior attrice non protagonista: Fanny Ardant per La Belle Époque

Miglior scoperta maschile: Alexis Manenti per I miserabili

Miglior scoperta femminile: Lyna Khoudri per Papicha

Miglior sceneggiatura originale: Nicolas Bedos per La Belle Époque

Miglior adattamento: Roman Polański e Robert Harris per L’ufficiale e la spia

Migliori costumi: Pascaline Chavanne per L’ufficiale e la spia

Miglior fotografia: Claire Mathon per Ritratto della giovane in fiamme

Miglior scenografia: Stéphane Rozenbaum per La Belle Époque

Miglior montaggio: Flora Volpelière per I miserabili

Miglior suono: Nicolas Cantin, Thomas Desjonquères, Raphaëll Mouterde, Olivier Goinard, Randy Thom per Le Chant du loup

Migliori musiche: Dan Levy per Dov’è il mio corpo?

Miglior opera prima: Papicha di Mounia Meddour

Miglior film d’animazione: Dov’è il mio corpo? di Jérémy Clapin

Miglior documentario: M di Yolande Zauberman

Miglior film straniero: Parasite di Bong Joon-ho

Miglior cortometraggio: Pile Poil di Lauriane Escaffre e Yvonnick Muller

Miglior cortometraggio d’animazione: La nuit des sacs plastiques di Gabriel Harel

César del pubblico: I miserabili di Ladj Ly

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.