Cinquanta sfumature in testa, Eastwood non brilla, regge The Post

Il neo puritanesimo americano sessuofobico e bacchettone, che ha innervato purtroppo i movimenti #metoo e #timesup di questi ultimi mesi, fa una vittima illustre anche al box office: mentre in tutto il mondo si abbatte il ciclone Cinquanta sfumature di rosso, ultimo capitolo della fortunata trilogia tratta dai romanzi di E.L.James, negli USA il film è comunque in testa, con dati però molto distanti da quelli dei due capitoli originari.

Non è più il tempo di milionari amanti del bondage e di segretarie sottomesse e innamorate? La visione della sessualità della serie è ridicola e irrealistica e la trasposizione cinematografica è uno stracult assoluto: questi sono dati di fatto. Più difficile prevedere che il pubblico americano, che aveva abbracciato il best seller della James, facendone un caso mondiale solo nel 2011, gli abbia voltato le spalle così radicalmente.

Dagli 85 milioni incassati all’esordio di Grigio, si è passai ai 46 di Nero, fino ai 38 di Rosso. Il film tuttavia si è rifatto incassando 98 milioni nel resto del mondo, per un totale di 136 milioni di dollari in tre giorni.

Al secondo posto l’animazione di Will Gluck Peter Rabbit, mentre Ore 15:17 – Attacco al treno di Eastwood è solo terzo con 12 milioni di dollari.

Quarto posto per Jumanji – Benvenuti nella giungla che raccoglie altri 10 milioni portando il totale a 365 milioni in patria e 881 in tutto il mondo.

Sempre in top five The Greatest Showman, nonostante le otto settimane di programmazione: 146 milioni in patria e 314 nel mondo.

Nel frattempo The Post di Spielberg sale a 72 milioni in casa e 123 complessivi nel mondo, mentre The Shape of Water si avvicina ai 50 negli USA, che diventano 74 in tutto il mondo.

Tre manifesti a Ebbing, Missouri sfonda il muro dei 100 milioni nel mondo, mentre L’ora più buia è arrivato a 124.

In Italia invece Cinquanta sfumature di rosso si ferma sulla soglia dei 6 milioni in 4 giorni di programmazione: un trionfo.

Seguono a distanza da The Post con 1,9 milioni e un totale di 4,2 milioni in due settimane e Ore 15:17 – Attacco al treno, con 1,2 milioni. Gli unici italiani rimasti in classifica sono Miniero con Sono tornato al quinto posto e Guadagnino con Chiamami col tuo nome, che si conferma al settimo con un incasso settimanale vicino al mezzo milione. Non ha fatto il botto, ma la Warner immagino se lo attendesse. Nonostante le nominations agli Oscar, quello di Guadagnino rimane un film d’essai e non di massa.

 

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.