Venezia 2015. The Endless River

the Endless river

The Endless River **

Nella piccola città sudafricana di Riviersonderend, il marito della cameriera Tiny esce dal carcere dopo aver scontato quattro anni di prigione.

Nella stessa cittadina vive Gilles, un francese che si è trasferito con la moglie e i due figli piccoli.

Una notte, approfittando della sua assenza, tre membri di una gang locale, mascherati, fanno irruzione nella fattoria di Gilles, trucidando i suoi bambini e abusando della moglie, prima di freddarla con due colpi di pistola.

La polizia brancola nel buio, ma i sospetti inseguono il marito di Tiny.

Quando quest’ultimo viene trovato morto, investito da una macchina vicino alla casa del protagonista, Gilles e Tiny che si erano conosciuti per caso, prima dell’esplosione di violenza, decidono di fuggire assieme per un viaggio senza meta.

L’elaborazione del lutto è forse impossibile, le colpe e le responsabilità rimangono sullo sfondo, il film si fa sempre pi rarefatto e sfuggente, fino ad una chiusura che vorrebbe chiarire, ma che invece arriva troppo tardi e non dice nulla.

Se le premesse drammatiche del film di Hermanus sembrano avere una certa forza nello spingere i due protagonisti, in realtà il regista non sa davvero cosa farsene del dolore e della perdita dei suoi personaggi.

Il film si ferma, nonostante i due siano in viaggio e diventa assai prevedibile nello sviluppo di una relazione impossibile, che nasconde nuovi dolori e nuovi segreti.

Incerto se seguire la dimensione puramente thrilling della sua storia oppure spingere il film verso lidi antonioniani, ad Hermanus manca lo sguardo, per sostenere questa ambiguità ed i suoi personaggi hanno troppo poco da dirci, per sentirli davvero vicini.

Lo stesso uso del cinemascope non riesce a comunicare nulla, lo scenario paesaggistico rimane sullo sfondo, per lo più anonimo, lasciando così che i difetti di scrittura e l’impaginazione iper-classica finiscano per prevalere.

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.