Venezia 2012. Blondie

Blondie *

Giornate degli Autori

“Blondie ovvero l’apologia dell’ictus” (Claudio Fasola)

Sarebbe sufficiente l’aforisma di uno dei nostri collaboratori, per dire l’inutilità suprema di questo film, presentato nelle solitamente interessanti Giornate degli autori.

In una famiglia svedese guidata da una madre tirannica, tre sorelle accorrono per festeggiarne il suo settantesimo compleaanno. Nella grande casa di famiglia si ritrovano Elin, che fa la modella (taglie forti, ormai), tutta cocaina e risentimenti, Katarina è un medico, sposa infelice, che se la fa con un giovane collega, secondo i peggiori stereotipi da pronto soccorso, ed infine Lova, la più giovane che vive a Londra ed è una figurina scialba, sempre pronta allo senimento.

Ci sono scheletri nell’armadio, fughe precipitose, vendette e contrasti. L’ictus che colpisce la madre metterà provvidenzialmente le cose a posto. Una volta risvegliatasi, la donna sarà un’altra persona: comprensiva, dolce, affidabile, materna.

Anche le figlie perderanno le loro cattive abitudini ricongiungendosi in una foto finale che suona falsa come una moneta da 3 euro.

Blondie di Jesper Ganslandt è un film debolissimo, mal recitato, assai poco credibile e vuoto. Non aggiunge nulla al clichè delle famiglie nordiche disfunzionali e lo fa con uno stile laccato e glaciale, che asseconda la fragilità delel sue bionde.

Nulla da salvare.

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.