Venezia 2012. Love is all you need

Love is all you need **1/2

Fuori concorso

Susanne Bier dopo aver vinto l’Oscar, provocando le indivie di Von Trier, con In un mondo migliore, può finalmente dedicarsi ad una commedia romantica sullo sfondo dei limoni di Sorrento, con una bella colonna sonora tra Ricchi e Poveri e Dean Martin ed il fascino di Pierce Brosnan.

Siccome deve pur mantenere l’apparenza di regista seria, che affronta temi impegnati, ecco che la protagonista del suo film è una parrucchiera in parrucca.

Sì proprio così: malata di cancro, ha perso un seno ed è calva per la chemioterapia. Sua figlia si sposa in Italia ed il giorno della partenza scopre che il marito la tradisce con la giovane impiegata della contabilità.

All’aeroporto turbata, finisce per tamponare l’auto del padre dello sposo, l’affascinante, triste e solo Pierce Brosnan, a cui è morta la moglie e de allora è diventato uno stronzo matricolato, sul lavoro e nella vita.

Finchè l’incontro con la parrucchiera sempre sorridente alle difficoltà, n on gli sconvolgerà la vita.

Nel frattempo i rispettivi figli sono in Italia nella villa di Sorrento, ma dubbi e tentazioni minano le loro certezze…

Mi rendo conto che riassunto in questo modo All you need is love sembri una sciocchezzuola. Ed infatti lo è, pienamente.

A salvarlo dal rapido oblio, regalandogli certamente un buon successo in sala, è la bravura degli interpreti principali e dei caratteristi – parenti serpenti che sopraggiungono a Sorrento – la ruffianeria delle musiche, la bellezza del panorama della Costiera, la perfetta sceneggiatura di Jensen e l’ordinaria regia della Bier che si limita placidamente ad assecondare l’estro dei suoi attori ed il fascino sempiterno della formula della commedia del ri-matrimonio, inventata quasi un secolo fa da Cuckor per Katharine Hepburn e Cary Grant.

Ogni tanto ad un festival ci vuole un film davanti al quale allentare la tensione e l’attenzione, lasciandosi trasportare senza pensieri.

Love is all you need è professionale, ben scritto, recitato con convinzione e profluvio di sorrisi, e girato dalla Bier, con mano insospettabilmente leggera.

Annunci

4 pensieri riguardo “Venezia 2012. Love is all you need”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.