Pablo Larraín – Là dove finisce la terra: è uscito il nostro nuovo libro!

Nuovo appuntamento editoriale per Stanze di Cinema, dopo i libri dedicati al regista di Parasite Bong Joon-ho e a Denis Villeneuve (Dune, Sicario, Blade Runner 2049).

In occasione del debutto nelle sale italiane di Spencer, il film dedicato a Lady Diana, esce Pablo Larraín. Là dove finisce la terra, scritto da Marco Albanese, con il contributo di Fabio Radaelli e Alessandro Vergari, che curano da un lustro sulle pagine di SdC la rubrica Dark Mirrors sulla serialità.

Si tratta del terzo volume di una collana che intende raccontare l’universo narrativo di alcuni registi contemporanei. L’attenzione e la curiosità affettuosa con cui avete accolto i primi libri ci ha spinto a continuare e a programmare due nuove uscite anche nel corso del 2022.

Attraverso questo nuovo lavoro editoriale Stanze di Cinema continua a rimanere fedele al compito che si è data quando è cominciata la sua avventura sul web: raccontare il cinema, senza barriere e pregiudizi, con un occhio di riguardo alle produzioni indipendenti, alle cinematografie lontane e marginali, ai giovani autori e alle giovani autrici, a tutti coloro che lottano per affermare la propria voce.

Pablo Larraín, quarantacinquenne regista e produttore cileno, è il capostipite di una nuova generazione di talenti, spesso cresciuti all’ombra di Fabula, la società fondata con il fratello Juan de Dios.

Anche se il suo cinema è profondamente legato alla storia del Cile e alle sue contraddizioni, più volte si è confrontato con produzioni internazionali, anche nel campo della serialità, senza mai perdere di vista la dimensione politica del suo lavoro.

Tuttavia il suo sguardo è lontano dal cinema civile, che pure ha raccontato con forza e sdegno gli anni delle dittature militari in Sudamerica. Nei suoi lavori c’è una ricerca narrativa incessante, c’è un interesse specifico sulle modalità del racconto, sulla rappresentazione stessa del Potere, persino sulla revisione storiografica degli eventi, che ci avvicina alla comprensione delle cause culturali dei fenomeni e ne indaga le implicazioni sociali, le sfumature psicologiche, persino le derive patologiche.

Anche nei film girati in inglese, il cinema di Larraín continua a essere un dialogo incessante tra pubblico e privato, tra Storia e destino, tra ossessione e abbandono.

Anche questo terzo saggio ha una struttura simile a quella delle altre monografie: un’introduzione, che approfondisce il contesto storico e biografico dell’autore, suggerendo le tracce di un percorso di analisi, che si arricchisce attraverso i singoli lungometraggi, trovando conferme e confutazioni. I capitoli finali sono dedicati allo stile e ai topoi narrativi, prima della necessaria filmografia essenziale.

L’apparato iconografico è tuttavia assai più ricco dei precedenti e accompagna i singoli capitoli in modo più pertinente.

Il libro è disponibile su Amazon, sia in versione cartacea, sia in versione e-book.

DALLA QUARTA DI COPERTINA

Il cinema di Pablo Larraín si muove attraversando continuamente le dinamiche del Potere e ragionando sui confini della responsabilità individuale e collettiva.
I suoi film sembrano rispondere alla famosa esortazione di Godard: “pas de faire des films politiques, mais de faire des films politiquement”, cercando di rendere visibile il confine che separa film e politica.                          
Nella prima parte della sua carriera, quella segnata dalla trilogia dedicata agli anni di Pinochet (Tony Manero, Post Mortem, No), il suo lavoro si è caratterizzato per una visione irriducibilmente pessimistica, anche rispetto alle possibilità di esercitare una qualche forma di resistenza.

A partire da Neruda assistiamo invece ad un progressivo cambiamento di prospettive, che trova il suo coronamento proprio nei tre film femminili (Jackie, Ema, Spencer) capaci di testimoniare un ingaggio con il Potere tutt’altro che rassegnato o sconfitto.

Trovate il nostro libro su Amazon, in versione cartacea o digitale. 

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.