The Fallout

The Fallout **1/2

Una mattina qualunque in una high school americana.

Vada esce dalla sua classe perchè la sorella più piccola Amelia ha bisogno di parlare con lei, dopo aver avuto il suo primo ciclo.

Si rifugia in bagno, dove trova Mia, popolarissima ballerina in erba, che si trucca perchè è il giorno delle foto di classe.

Un colpo secco interrompe le chiacchiere. Poi un secondo. Le due ragazze si rifugiano in uno dei bagni, in preda al terrore. Ad un certo punto le raggiunge un ragazzo di colore, Quinton, che ha la maglietta e le mani sporche di sangue. Suo fratello è stato appena ucciso e non riesce a darsi pace.

Sono pochi minuti di atroce angoscia, prima che arrivi la polizia a fermare l’ennesima strage scolastica.

La vita di Veda tuttavia non sarà più la stessa. Smette di andare a scuola, stringe un rapporto esclusivo con Mia e con lo stesso Quinton, beve, si sballa, smette di parlare ad Amelia con cui aveva un rapporto simbiotico e abbandona il suo miglior amico Nick, proprio quando è in prima fila politicamente, per denunciare la facilità con cui si possono acquistare armi d’assalto.

Neppure le sedute da una giovane psicologa l’aiutano a ritrovare il filo di un’esistenza deragliata completamente.

Il film, scritto e diretto dall’attrice canadese Megan Park e presentato in anteprima al SXSW dove ha vinto sia il Grand Jury Award che il premio del pubblico, è un sentito ritratto adolescenziale, che cerca di fare i conti con quel buco nero che sta continuando ad inghiottire i giovani americani. Non solo le vittime primarie della violenza insensata degli assalti, ma anche tutti coloro che sopravvivono e che devono fare i conti non solo con l’elaborazione del lutto, ma con un evento così deflagrante e decisivo.

La vita della studiosa Veda cambia traiettoria radicalmente, non solo dal punto di vista scolastico, ma anche familiare e personale.

La protagonista, che pure ostenta inizialmente un certo understatement, cambia radicalmente sotto i nostri occhi, in un momento che è già così ricco di rivolgimenti ed esperienze decisive.

La scoperta del sesso, degli interessi a cui dedicare la propria vita, il valore delle amicizie, il rapporto con fratelli e genitori: sono tutte cose che riempiono la vita di ogni adolescente. Ma in questo caso avvengono sotto la cappa opprimente della tragedia e dell’incapacità di venire a patti con un dolore che subdolamente si muove sottotraccia ed emerge in modo distruttivo.

The Fallout è costruito dalla Park su un registro minimalista, essenziale, in cui l’esplodere conflitti non diventa mai melodramma.

Merito di una messa in scena che si affida, come accade spesso per gli attori-registi, alla bravura degli interpreti.

In questo caso il film poggia quasi tutto sulle spalle dell’espertissima Jenna Ortega, che a diciannove anni ha già un ricchissimo curriculum tra cinema e serialità: la sua Veda è un tipo minuto e cool, che veste con magliette xl e air jordan, travolta da un dolore più grande di quanto riesca a spiegare.

La Park racconta con grande sensibilità il suo rapporto con Mia, la compagna star di Instagram, bionda e solitaria, figlia di due artisti che sono in Europa per lavoro e l’hanno abbandonata nella grande villa con piscina e sauna, dove nessuno sembra curarsi di lei.

Il film, pur suggerendo una ricomposizione dei conflitti della protagonista, sceglie intelligentemente un finale inquietante e aperto, che spalanca un nuovo abisso di dolore: prenderci cura della dimensione intima e privata non è più sufficiente.

La risposta non può che essere diversa e più radicale.

The Fallout è uscito su HBO Max negli Stati Uniti a fine gennaio. Non è ancora prevista un’uscita in Italia.

 

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.