The Last Dance: la serie su Michael Jordan di cui tutti stanno parlando…

Debutta oggi su Netflix, ma sono con i primi due dei dieci episodi, la serie The Last Dance, che racconta l’ultimo anno assieme dei leggendari Chicago Bulls di Michael Jordan e Phil Jackson.

La docu-serie in dieci episodi, diretta da Jason Hehir (The Fab Five, Chicago Bears 1985, Andre the Giant), racconta una delle più grandi icone e squadre di maggior successo nella storia dello sport: Michael Jordan e i Chicago Bulls degli anni ’90. Lo show contiene materiale inedito della stagione 1997-98, quando il team si proponeva di conquistare il sesto titolo NBA in otto anni.

Nell’autunno del 1997, Michael Jordan, il proprietario dei Bulls Jerry Reinsdorf e il coach Phil Jackson accettarono che una troupe cinematografica della NBA Entertainment seguisse la squadra per l’intera stagione sportiva. Il risultato è un ritratto straordinario di un iconico giocatore e di una celebre squadra, che viene rivelato ora, circa vent’anni dopo, in The Last Dance.

Mentre la docu-serie si fa strada attraverso la tumultuosa stagione 1997-98, gli spettatori verranno riportati alle origini di tutto, dall’infanzia di Jordan, alle condizioni dei Bulls prima dell’arrivo dell’iconico giocatore e dalla riformazione della squadra al suo arrivo, fino ad arrivare alla vittoria del primo campionato NBA della squadra. Gli spettatori rivivranno primi cinque campionati dei Bulls, attraverso le sfide, le lotte fuori dal campo e i trionfi che facevano parte del fenomeno di mutamento culturale creato da Jordan e dai Bulls.

È uno scenario che fa da sfondo alla corsa del campionato del 1998, con ampi profili dei principali compagni di squadra di Jordan, tra cui Scottie Pippen, Dennis Rodman e Steve Kerr, il coach Phil Jackson e con dozzine di interviste a rivali e luminari del basket e non solo. Per tutto il tempo, la tensione e il conflitto che hanno definito la corsa finale del campionato sono molto in mostra.

Michael Jordan e i Bulls degli anni ’90 non erano solo superstar dello sport, ma un fenomeno mondiale“, ha dichiarato il regista Jason Hehir. “Realizzare The Last Dance è stata un’incredibile opportunità per esplorare l’impatto straordinario di un uomo e di una squadra. Per quasi tre anni, abbiamo fatto ricerche in lungo e in largo per raccontare la storia definitiva di una dinastia che definiva un’era del basket e per presentare questi eroi dello sport come essere umani. Spero che gli spettatori apprezzino la docu-serie tanto quanto noi ci siamo divertiti a realizzarla.

Due episodi a settimana sino al 18 maggio.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.