La terza stagione di American Crime Story sarà sul caso Clinton-Lewinsky

Ryan Murphy ci ha sorpreso ancora.

Dopo aver dedicato le prime due stagioni della sua serie antologica sui grandi casi di cronaca nera a O.J.Simpson e Gianni Versace, anche questa volta ha scelto uno degli scandali più clamorosi degli anni ’90, ovvero l’impeachment nei confronti del presidente Bill Clinton, per le sue relazioni improprie con la stagista della Casa Bianca, Monica Lewinsky.

Quelli della generazione Z, i post millennials, probabilmente non ne hanno alcun ricordo, ma nell’estate del 1998 il sexgate tra il presidente Clinton e quella che era stata una sua stagista tra il novembre 1995 e il marzo 1997, scoppiò come una bomba all’idrogeno sulla presidenza e le istituzioni del Paese.

L’incipit de La macchia umana di Philip Roth chiarisce bene l’isteria collettiva che colpì gli Stati Uniti durante quella lunga estate di pettegolezzi su sigari, rapporti orali, macchie e vestiti blu…

Grazie alle confidenze che la Lewinsky rilasciò ad una sua amica e collega, Linda Tripp, lo scandalo divenne di pubblico dominio: in quei mesi di stage vi erano stati almeno nove incontri a sfondo sessuale nello Studio Ovale, tra il presidente e la giovane attivista californiana.

Una commissione indipendente guidata dal procuratore Kenneth Starr concluse che il presidente aveva mentito sotto interrogatorio e aveva ostacolato il corso delle indagini. La Camera e il Senato aprirono una procedura di impeachment, che si concluse solo a febbraio 1999, senza raggiungere le maggioranze richieste per rimuovere Clinton dal suo ufficio.

Nella serie di Ryan Murphy per la FX Monica Lewinsky sarà interpretata dall’attrice di Booksmart Beanie Feldstein, mentre l’anima nera, la gola profonda Linda Tripp avrà il volto di Sarah Paulson, da sempre fedelissima di Murphy. Infine Annaleigh Ashford interpreterà Paula Jones, un’altra delle amanti di Clinton.

Ma chi interpreterà il Presidente?

La serie è stata scritta da Sarah Burgess a partire dal libro di Jeffrey Toobin, A Vast Conspiracy: The Real Story of the Sex Scandal That Nearly Brought Down a President. 

La Lewinsky figura come uno dei produttori.

Speriamo solo che il neopuritanesimo del #metoo, che oggi impera a Hollywood, non finisca per dare al racconto una luce troppo unilaterale e moralista.

Le riprese cominceranno a febbraio 2020. Il debutto è previsto per il 27 settembre 2020.

Il timing delle messa in onda è stato già oggetto di critiche, perchè coincide proprio con le settimane che precedono le nuove elezioni presidenziali.

La serie si chiamerà Impeachment: American Crime Story.

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.