Venezia 2017. Wormwood

Wormwood ***

Errol Morris approda a Netflix con una miniserie in sei episodi, che vuole far luce su una delle pagine oscure della storia CIA, alternando ad un solido impianto documentaristico, composto da immagini di repertorio e nuove interviste, alcune ricostruzioni di fiction, come è d’abitudine per il grande maestro di The Thin Blue Line.

Cos’è successo ad uno dei più brillanti scienziati della CIA, Frank Olsen, per spingerlo a buttarsi dalla finestra di un hotel di New York, nel dicembre del 1953?

La prima versione ufficiale parlava di incidente o di suicidio. Ma vent’anni dopo un inchiesta del New York Times e la commissione Rockfeller portarono alla riapertura del caso.

Olsen, assieme ad altri colleghi, era stato parte di un esperimento governativo con somministrazione controllata di LSD.

Al suo ritorno a casa la situazione precipitò immediatamente in uno stato depressivo fortissimo, che lo spinse a chiedere le dimissioni.

La CIA lo mandò da un allergologo newyorkese che aveva sperimentato la droga e aveva credenziali da psichiatra.

Proprio durante quel soggiorno a N.Y. la situazione precipitò. Ma cosa e davvero successo in quella stanza di albergo? Sì è buttato? E’ stato costretto a farlo? L’LSD ha avuto davvero un ruolo, o forse si tratta semplicemente una copertura per far sparire uno scienziato scomodo che non era più in sintonia con gli esperimenti dei servizi segreti sulla guerra batteriologica e sulle armi chimiche?

Nel 1975 a seguito dell’indagine del Congresso i familiari di Olsen, la moglie e e i figli, furono convocati dal presidente Ford, poi dalla commissione presieduta da Ted Kennedy e quindi dal capo della CIA. Ma l’imperativo comune era quello di insabbiare. 750.000 dollari fecero il resto.

Ma la verità era ancora molto lontana. Eric, il figlio di Frank Olsen, non si è dato mai per vinto. Ha ingaggiato nuovi avvocati, esperti di cold case, giornalisti del New York Times, anatomo-patologi di fama, per riesumare la salma del padre e trovare una risposta.

A distanza di molti anni, Eric e gli altri protagonisti di questa odiessea senza fine raccontano a Morris quella storia incredibile e cercano di ricostruire i fatti a partire dai documenti di allora.

Avvincente come un thriller ed articolato su molti piani convergenti grazie ad un montaggio sofisticatissimo, che accosta e sovrappone le interviste, i ritagli di giornale, le immagini di repertorio e le ricostruzioni, forse come omaggio alla passione per i collage del protagonista, Wormwood è uno dei gioielli nascosti della Mostra.

Errol Morris non sembra aver perso la curiosità e l’originalità dello sguardo, che caratterizzavano le sue inchieste più controverse ed anche nel formato lungo, tipico della televisione del nuovo secolo, il suo lavoro mantiene la complessità necessaria alla verità e il ritmo incalzante del cinema di genere.

La serie lascia aperte molte questioni, la verità sfugge, si scorge abbastanza chiaramente dietro la coltre di fumo che la CIA e i suoi direttori hanno saputo alzare nel corso dei decenni, per occultare le responsabilità, ma rimane alla fine irraggiungibile.

Morris mette in scena l’ossessione di una vita rosa dal dubbio, dal sospetto, dalla frustrazione di non sapere. Eric non riesce a trovare pace, anche quando sembra avvicinarsi alla fine del suo incubo, viene ricacciato indietro. La sua è una lotta impari, che assomiglia molto a quella dei familiari delle vittime delle nostre stragi di stato.

Da non perdere.

miniserie tv (sei episodi)
Usa
lingua Inglese
cast Peter Sarsgaard, Christian Camargo, Scott Shepherd, Molly Parker, Jimmi Simpson, Bob Balaban, Tim Blake Nelson, John Doman, Hillary Gardner, Michael Chernus, Jack O Connell, Chance Kelly
sceneggiatura Steven Hathaway, Molly Rokosz
fotografia Igor Martinovic, Ellen Kuras
montaggio Steven Hathaway
scenografia Tommaso Ortino, Merideth Boswell
costumi Katie Riley
musica Paul Leonard-Morgan
suono Ken Ishii
effetti speciali Jerry Spivak

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.