Police, Adjective

Police, Adjective ***

Presentato a Cannes ad Un certain regard, è stato accolto trionfalmente e premiato, come l’ultimo straordinario esempio della nouvelle vague romena.

Porumboiu, già autore del divertente A Est di Bucarest, Camera d’or nel 2006, qui sfida le regole del genere e ci mette di fronte ad un’indagine di polizia del tutto surreale.

Il protagonista è Cristi, giovane poliziotto, incaricato di indagare su ‘pericolosissimi’ ragazzini… colpevoli di fumare hashish nel cortile della scuola.

Il regista non ci risparmia nulla: segue Cristi a lungo – con la macchina da presa, quasi sempre immobile – nei suoi quotidiani appostamenti fuori dall’edificio scolastico, poi vicino alle abitazioni dei ragazzi e nella stazione di polizia.

Nella noia delle indagini, nella meticolosità dei verbali e nella lunghezza della burocrazia delle richieste, dei certificati e delle autorizzazioni, si insinua però il dubbio, che tanto zelo sia finalizzato, solamente a rovinare la vita ai tre improvvidi ragazzini.

Lo spettatore è spiazzato dal ribaltamento continuo delle attese: nessun momento drammatico, nessun inseguimento, nessuna tensione.

Solo la routine professionale e familiare di Cristi, piccolo poliziotto con una coscienza.

Il protagonista comincia a chiedersi, infatti, se sia giusto arrestare i suoi pedinati, esponendoli ad una pena che può arrivare sino a 7 anni di carcere, per un po’ di fumo, pratica che in altri paesi dell’est non è più neppure sanzionata.

Fra i tre inoltre c’è un delatore, che ha indirizzato le indagini e messo in moto il brutale meccanismo della giustizia, per motivi che rimangono poco chiari: forse per banale gelosia.

Il protagonista cerca conforto ai suoi dubbi, parlandone con un pubblico ministero e rimandando più volte il confronto con il capo, che vuole invece arrivare subito all’arresto dei tre ragazzi.

Quando finalmente Cristi farà rapporto al suo superiore – il sempre inquitetante Vlad Ivanov, indimenticabile Bebe in 4 mesi 3 settimane e 2 giorni – ne nascerà una sottile e inquietante discussione sulla giustizia.

Il capo gli chiede conto del significato delle parole che usa e Cristi dovrà fare i conti con la definizione di coscienza, legge morale, polizia.

Di fronte alle sue risposte incerte e di buon senso, sarà la perentorietà di un dizionario a fare piazza pulita di ogni legittimo dubbio.

Una straordinaria lezione di semantica applicata – e distorta – a fini di controllo sociale. 1]

Il Potere si nutre del linguaggio, afferma la sua forza anche attraverso le parole e le loro interpretazioni: mai era stato mostrato sullo schermo in maniera così efficace.

Vale la pena di pazientare sulle lunghe inquadrature di Porumboiu, per arrivare a questo finale raffinatissimo, sconcertante, esemplare, che ci racconta come i paesi dell’est siano ancora in un limbo doloroso: la fine del regime è ancora troppo vicina, le pratiche, le idee, le facce del potere sono ancora terribilmente contaminate dall’ottusità e dalla violenza del passato.

La democrazia è un processo lungo, una conquista che si compie giorno per giorno, impossibile da imporre.

Forse però qualcosa si sta muovendo: il fermento culturale che traspare nei film e nel cinema di questi giovani registi rumeni è un segnale evidente di una libertà realmente ritrovata.

 

1] Alberto Barbera, Politist Adjectiv, Cineforum n.485

Annunci

9 pensieri riguardo “Police, Adjective”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.