Storia di un matrimonio

Storia di un matrimonio ***

Il nuovo film di Noah Baumbach, per la prima volta in concorso alla Mostra di Venezia, è la storia di una separazione, dell’assurda acrimonia che coinvolge chi si è amato, ha costruito una famiglia, vedendola di colpo implodere tra liti, avvocati, dispetti, richieste assurde, rimorsi, rimpianti, ricatti e furore.

Baumbach ha dichiarato di essersi ispirato, nel costruire la storia di Charlie e Nicole, alle proprie esperienze personali: la separazione dei genitori e la sua con l’attrice Jennifer Jason Leigh, durata tre lunghi anni.

Scene da una separazione dicevamo, tra un regista teatrale off-Broadway e la moglie attrice, leader della sua compagnia, che ha deciso di mollare teatro e famiglia per volare a Los Angeles, per girare il pilota di una serie e riabbracciare la propria famiglia d’origine, in California.

Le promesse iniziali di trovare un accordo amichevole, senza guerre, finiscono quando Nicole assume Nora, un’avvocato di grido, che la spinge sulla strada senza ritorno di un lungo e sgradevole contenzioso con Charlie.

Di colpo la situazione precipita, la distanza acuisce le incomprensioni, il piccolo figlio Henry diventa così un trofeo da contendersi, a colpi di meschinità e cattiverie gratuite.

Il film di Baumbach restituisce la fatica di un evento così traumatico, su cui tutti cercano di speculare. Un grande spettacolo del dolore e del sentimento tradito, nel quale si finisce inevitabilmente per recitare una parte codificata, a beneficio di giudici, assistenti sociali, familiari, avvocati, partner nuovi e vecchi.

E’una sorta di teatro della crudeltà e uno show orchestrato da legali dall’ego smisurato.

Marriage Story si muove cercando una centralità drammatica interessante, rifugge verità e colpe, concentrandosi sulle conseguenze del conflitto, talvolta sulle strategie puerili per guadagnare campo, in un gioco che avvantaggia forse solo i famelici avvocati americani, squali in un acquario.

Il film segue l’andamento sinusoidale di ogni crisi matrimoniale, che procede tra picchi e stasi fino alla sua conclusione, senza che nessuno dei protagonisti riesca a comprendere come sia solo il tempo a poter sciogliere le questioni più complesse.

Eppure Marriage Story non aggiunge molto a quando il cinema e la vita hanno raccontato molte volte, sul grande schermo e nelle pareti di casa di ciascuno.

Baumbach confeziona un film onesto intellettualmente, non semplificatorio, ma poi si affida interamente ai suoi attori, coinvolgendoli in un tour de force, che tuttavia non nasconde segreti e infedeltà: la struttura narrativa è debole, prevedibile,  senza scosse, a meno di non voler considerare come centrale, il lungo litigio tra i due protagonisti, che segna il punto più basso della loro relazione.

Dal punto di vista stilistico, il film alterna lunghi e lunghissimi piani sequenza, a beneficio della performance attoriale, in un impianto quasi teatrale.

Anche qui, Baumbach non inventa nulla, eppure nel suo cinema, che sembrava destinato ad un allenismo di complemento, Marriage Story segna uno scarto e la commedia familiare lascia spazio ad un dolore vero, ad una sofferenza che tracima dalla dimensione personale.

La fotografia naturalista, quasi tutta in interni è dell’irlandese Robbie Ryan, già responsabile di The Meyerowitz Stories.

Lo scontro tra il suo cinema iperminimalista e l’incandescenza, che il fallimento familiare dovrebbe rappresentare, finisce per produrre un film interessante, ma un po’ridondante, che si apprezza soprattutto per la prova maiuscola di Adam Driver, che giganteggia su una Scarlett Johansson, mai così fuori parte sul grande schermo: non si può dire che Baumbach l’abbia imbruttita, ma le ha tolto qualsiasi fascino, qualsiasi qualità, facendone un personaggio irrisolto, di cui non si comprendono mai i motivi e le scelte.

Laura Dern è Nora, l’avvocatessa matrimonialista, con vertiginose scarpe di vernice rossa, pronta a scatenare l’inferno con il sorriso, mentre Ray Liotta è la sua controparte maschile, altrettanto cinico e sgradevole.

Ad Alan Alda Baumbach affida il ruolo dell’avvocato mite, deciso a trovare una soluzione ragionevole, che Charlie finirà per cambiare per un asshole degno di Nora, mandando all’aria un buon accordo già raggiunto, in nome di un malriposto sentimento di rivalsa.

Mentre Driver, sempre di rimessa, rispetto alle iniziative della sua partner sullo schermo, mostra ancora una volta la versatilità del suo registro espressivo, la credibilità con cui ci fa partecipi della sua discesa verso un incubo personale, apparentemente irriducibile.

Baumbach gli regala anche un momento musicale, che suggella emotivamente il film e ne sposta l’asse narrativo, in modo forse definitivo.

Difficile essere davvero neutrali quando si racconta la fine di una storia.

In Italia dal 5 dicembre.

_DSC4795.arw

Un pensiero riguardo “Storia di un matrimonio”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.