Venezia 2017. Victoria & Abdul

Victoria & Abdul ***

Fuori concorso

Victoria & Abdul racconta la vera, straordinaria storia dell’incredibile amicizia tra la regina Vittoria e il giovane segretario Abdul Karim, diventato suo precettore, consigliere spirituale e devoto amico. Nel 1887, Abdul parte dall’India per donare alla regina una medaglia in occasione dei festeggiamenti per il Giubileo d’oro, ma inaspettatamente entra nelle grazie dell’anziana sovrana. L’inaudito e incredibile legame scatena una rivolta all’interno della famiglia reale, ma la regina si oppone a corte e parenti. Victoria & Abdul esplora con ironia tematiche come razza, religione e potere, mettendo in scena le assurdità dell’impero alla luce di un’amicizia insolita e profondamente commovente.

Torna il Frears degli scandali a corte. È proprio vero, allora che gli inglesi vanno matti per il gossip a Buckingham Palace!

Questa vola il regista britannico indaga sulla liaison tra la regina Vittoria e il suo Munshi indiano di religione islamica Abdul; lei magistralmente interpretata (di nuovo dopo La mia regina del 1997) da Judi Dench che non ha dovuto ricorrere a troppo trucco per l’invecchiamento e lui dal fascinoso Ali Fazal, attore di Bollywood.

La storia pare essere vera anche se celata per decenni ed è quasi, per la maggior parte – mostly – reale, nella pellicola: nel 1887, l’Impero britannico celebrò il Giubileo d’Oro di Victoria del cinquantesimo anniversario del suo regno, con un banchetto a cui sono stati invitati cinquanta re e principi. Il giorno seguente la regina partecipò a una processione e ad un servizio di ringraziamento in Westminster Abbey.

A questo punto, Vittoria è risultata ancora una volta estremamente popolare. Due giorni dopo coinvolse due musulmani indiani come camerieri, uno dei quali Abdul Karim, devoto alla regina in quanto Imperatrice d’India dal 1876. Fu presto promosso a Munshi: insegnando l’Hindustani e agendo come impiegato.

La famiglia reale e i detrattori rimasero sconvolti e lo accusarono di compiere spionaggio per la Lega Patriottica Musulmana montando la Regina contro gli Indù. Inoltre si scoprì che il Munshi aveva mentito sulle sue origini, in realtà umili. Vittoria respinse le loro denunce come pregiudizi razziali e Abdul Karim rimase al suo servizio fino a tornare in India con una pensione fino alla sua morte.

Nel film si vede mostly di questa storia, condita con belle musiche anche orientaleggianti e costumi fantastici. Inoltre le battute e le gag sono divertenti e c’è molto da ridere, anche vedendo la figura della vecchia regina capricciosa e grassa, annoiata da tutto tranne che dalle persone che l’aiutavano a capire il suo ruolo nel mondo. In fin dei conti la longeva regina è stata antesignana della necessità di integrazione e accettazione del prossimo che oggi tanto divide le nazioni.

http://www.michelamanente.it

Gran Bretagna / 110
lingua Inglese
dal romanzo Victoria & Abdul di Shrabani Basu
cast Judi Dench, Ali Fazal, Eddie Izzard
sceneggiatura Lee Hall
fotografia Danny Cohen
montaggio Melanie Ann Oliver
scenografia Alan MacDonald
costumi Consolata Boyle
musica Thomas Newman
effetti speciali Adrian Bennett

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...