La pazza gioia vince il David di Donatello, sei premi a Indivisibili e Veloce come il vento

Anche quest’anno, come nella scorsa edizione, i David di Donatello sono stati equamente divisi fra i tre candidati più forti.

La pazza gioia conquista cinque premi, tra cui quelli per il miglior film, la miglior regia di Paolo Virzì, la migliore attrice protagonista, Valeria Bruni Tedeschi.

Ma gli altri due favoriti, Indivisibili e Veloce come il vento, non tornano a casa a mani vuote, bensì con 6 premi a testa.

Il film di Edoardo De Angelis è stato premiato per il miglior produttore, la migliore sceneggiatura, la migliore attrice non protagonista, Antonia Truppo, che bissa il successo dello scorso anno, e per le musiche struggenti di Enzo Avitabile, mentre il film di Matteo Rovere ha conquistato il David con Stefano Accorsi miglior attore ed in molte categorie tecniche: fotografia, montaggio, suono, trucco, effetti speciali.

La cerimonia, prodotta da Sky per il secondo anno di fila e condotta da Alessandro Cattelan, ha cercato di evocare quelle d’oltreoceano. Clip iniziale e a metà, Manuel Agnelli che ha cantato Across the Universe dei Beatles sulle immagini di tutti coloro che ci hanno lasciato nel 2016, bel lavoro di montaggio per le clip che introducevano i candidati e il premio alla carriera assegnato a Roberto Benigni. Tuttavia la platea è rimasta freddissima e poco partecipativa, vanificando persino l’ottimo lavoro del graffiante Maccio Capatonda, Il montatore gelosone, e quello iniziale, di Valerio Mastandrea, Io te e il David.

Poco apprezzata anche l’ironia e la cattiveria del monologo iniziale di Cattelan.

Lo sforzo produttivo ci è parso invece pregevole ed anche la consegna di alcuni premi minori, direttamente in platea, così come le nomination indicate in sovrimpressione per altri, sono state novità che dovrebbero importare anche a Hollywood, per rendere meno infinita la Notte degli Oscar.

Altrettanto efficace il limite di 45 secondi imposto ad ogni premiato, che ha evitato ringraziamenti scontati e inutilmente prolissi, con l’unica eccezione di Valeria Bruni Tedeschi, che sembrava non essere ancora uscita dal personaggio interpretato ne La pazza gioia, presentatasi a ritirare il suo premio, con tre fitti fogli di ridondanti ringraziamenti.

Resta tuttavia l’impressione che il cinema italiano viva male queste premiazioni, non partecipi con sincerità alla celebrazione delle vittorie altrui e sia poco generosa nel riconoscere il talento, forse troppo abituata alle premiazioni catastrofiche e grottesche, curate dalla tv di stato nell’ultimo ventennio.

La strada invece sembra essere finalmente quella giusta, occorre insistere, migliorare ciò che non va, dare lustro e glamour ad una serata di cui il cinema italiano ha bisogno, oggi più che mai.

Le vittorie negli ultimi anni di film come La grande bellezza, Anime nere, Lo chiamavano Jeeg Robot, Il racconto dei racconti, Perfetti sconosciuti, Veloce come il vento, Indivisibili, La pazza gioia dimostrano la vitalità del nostro cinema, la sua capacità di diversificare l’offerta, di non adagiarsi sullo stereotipo unico della commedia o del cinema minimalista d’autore, di saper osare, anche con mezzi limitati.

Anche se il pubblico non sempre se n’è accorto, c’è una generazione di giovani talenti, cresciuti con il cinema di genere, con i fumetti, con i romanzi criminali, che stanno cercando di mettere idee e determinazione al servizio del nostro cinema.

Sorrentino, Garrone, Sollima, Guaglione e Resinaro, Tornatore, lo stesso Virzì hanno tutti girato con produzioni e co-produzioni internazionali negli ultimi anni, segno evidente di una piccola, fragile rinascita di interesse per i nostri autori.

Il David li sta sostenendo: fatelo anche voi, nelle sale.

Foto Ansa

Ecco tutti i vincitori e i link alle nostre recensioni:

MIGLIOR FILM
La pazza gioia prodotto da Marco BELARDI per Lotus Production – Leone Film Group con Rai Cinema

MIGLIORE REGISTA
Paolo VIRZÌ – La pazza gioia

MIGLIORE REGISTA ESORDIENTE
Marco DANIELI – La ragazza del mondo

MIGLIORE SCENEGGIATURA
Nicola GUAGLIANONE, Barbara PETRONIO, Edoardo DE ANGELIS – Indivisibili

MIGLIORE SCENEGGIATURA ADATTATA
Gianfranco CABIDDU, Ugo CHITI, Salvatore DE MOLA – La stoffa dei sogni

MIGLIORE PRODUTTORE
Attilio DE RAZZA, Pierpaolo VERGA – Indivisibili

MIGLIORE ATTRICE PROTAGONISTA
Valeria BRUNI TEDESCHI – La pazza gioia

MIGLIORE ATTORE PROTAGONISTA
Stefano ACCORSI – Veloce come il vento

MIGLIORE ATTRICE NON PROTAGONISTA
Antonia TRUPPO – Indivisibili

MIGLIORE ATTORE NON PROTAGONISTA
Valerio MASTANDREA – Fiore

MIGLIORE AUTORE DELLA FOTOGRAFIA
Michele D’ATTANASIO – Veloce come il vento

MIGLIORE MUSICISTA
Enzo AVITABILE – Indivisibili

MIGLIORE CANZONE ORIGINALE
“ABBI PIETÀ DI NOI” di Enzo AVITABILE  – Indivisibili

MIGLIORE SCENOGRAFO
Tonino ZERA – La pazza gioia

MIGLIORE COSTUMISTA
Massimo CANTINI PARRINI – Indivisibili

MIGLIOR TRUCCATORE
Luca MAZZOCCOLI – Veloce come il vento

MIGLIOR ACCONCIATORE
Daniela TARTARI – La pazza gioia

MIGLIORE MONTATORE
Gianni VEZZOSI – Veloce come il vento

MIGLIOR FONICO DI PRESA DIRETTA
Presa diretta: Angelo BONANNI – Microfonista: Diego DE SANTIS – Montaggio e Creazione suoni: Mirko PERRI – Mix: Michele MAZZUCCO – Veloce come il vento

MIGLIORI EFFETTI SPECIALI VISIVI
Artea Film & Rain Rebel Alliance International Network – Veloce come il vento

MIGLIOR FILM DELL’UNIONE EUROPEA
Io, Daniel Blake, di Ken LOACH (Cinema)

MIGLIOR FILM STRANIERO
Animali notturni, di Tom FORD (Universal Pictures)

DAVID GIOVANI
In guerra per amore, di Pierfrancesco DILIBERTO

MIGLIOR DOCUMENTARIO DI LUNGOMETRAGGIO
Crazy for football, di Volfango DE BIASI

MIGLIOR CORTOMETRAGGIO
A casa mia, di Mario PIREDDA

DAVID SPECIALE ALLA CARRIERA
Roberto Benigni

 

Advertisements

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: