Cannes 2014. Maidan

Maidan

Maidan *

Sergei Loznitsa è uno dei maggiori talenti del cinema internazionale. Già in concorso due volte a Cannes con My Joy e Anime nella nebbia, ha portato sulla Croisette un documentario girato a Piazza Maidan nel corso della rivolta che ha portato alla destituzione del presidente ucraino Yanukovich.

Il suo documentario è però presuntuoso e debole: la sua camera fissa riprende la quotidianità della piazza occupata. Nei primi 15 minuti si sente due volte l’inno nazionale. Qualcuno non inquadrato arringa la folla. Qualcun altro canta. Il popolo entra nei palazzi del potere.

Camera fissa per minuti e minuti in cui non succede nulla. Montaggio ridotto a zero. Emozioni assenti.

Cosa ha voluto dirci Loznitsa? Che anche le buone rivoluzioni muoiono di noia?

 

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.