Venezia 2014. Goodnight Mommy

Goodnight Mommy

Goodnight Mommy ***

Nel caldo estivo, una casa solitaria si erge in campagna tra i boschi e i campi di grano. Due fratelli gemelli di nove anni aspettano la loro madre. Quando questa torna a casa, portando sul volto le bende di un intervento di chirurgia estetica, nulla è più come prima. I bambini iniziano a dubitare che la donna non sia veramente la loro madre. Inizia così una lotta esistenziale per l’identità e la fiducia reciproca.

Una casa isolata nella verde estate austriaca, due gemelli, un piccolo lago ed un madre che si sta riprendendo da un’operazione che le ha lasciato il volto coperto di bende.

Ma non è solo il viso della madre, conduttrice televisiva, ad essere cambiato, anche la sua personalità sembra essersi fatta più dura.

Prepara a colazione solo ad uno dei fratelli, gli chiede di mantenere un impossibile silenzio in casa, li impegna in faccende domestiche.

Quando trovano un gatto nel bosco e lo portano a casa, comincia una battaglia sempre meno metaforica sul controllo.

La madre uccide il gatto e mette i bambini in punizione. I due si vendicano mettendo l’animale in bella mostra in una vasca in salotto. La madre risponde, ma i due ragazzini si trasformano pian piano in aguzzini…

La verità verrà a galla solo alla fine.

Il film del duo austriaco è uno dei più inquietanti e riusciti di questa Venezia, implacabile nella progressione drammatica, algido nella sua rappresentazione degli interni moderni e di design.

Prodotto da Seidl, il film sembra avere però molti più debiti con il cinema della tortura e della falsa coscienza borghese di Haneke, da cui mutua il tono rigoroso nella messa in scena ed il gioco al massacro che passo dopo passo rivela chi sono le vere vittimmie e chi i carnefici, ribaltando sapientemente verità e menzogne, realtà e rappresentazione.

Straordinari i due gemelli protagonisti. Da non perdere.

Annunci

Un pensiero riguardo “Venezia 2014. Goodnight Mommy”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.