Venezia 2013. Che strano chiamarsi Federico: Scola racconta Fellini

CheStranoChiamarsiFederico-poster-432x619

Che strano chiamarsi Federico: Scola racconta Fellini **

Si respira la nostalgia del grande cinema italiano, nel film che Ettore Scola ha dedicato alla sua amicizia con Federico Fellini.

Dalla redazione del Marc’Aurelio, alle sceneggiature per la rivista e il cinema comico, dai bar di Roma ai giri in auto nella notte insonne del maestro riminese, il film di Scola ricostruisce con passione e gusto 50 anni di grande cinema.

Quello che convince poco è il modo scelto: una sorta di ricostruzione che usa la fiction per gli anni ’40 e ’50 e poi due controfigure che mescolano audio originale e voci off, infine fanno capolino immagini di repertorio, in particolare per gli ultimi film.

Che strano chiamarsi Federico è convincente e gustoso nella parte in bianco e nero delle origini, con la redazione del Marc’Aurelio che diventerà una fucina di talenti per il cinema, da Metz e Marchesi ad Age e Scarpelli a Scola e Maccari. Nella seconda parte il film invece è più farraginoso.

Quello che resta è un grande romanzo italiano, di due provinciali a Roma, capaci di dare lustro al nostro cinema, partendo dal mestiere e dalla scrittura.

Elegiaco.

 

Un pensiero riguardo “Venezia 2013. Che strano chiamarsi Federico: Scola racconta Fellini”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.