Venezia 2013. Bernardo Bertolucci presidente della giuria

Bernardo Bertolucci 1

Bellissima notizia in arrivo dalla Biennale di Venezia: Alberto Barbera e Paolo Baratta hanno scelto Bernardo Bertolucci per presiedere la Giuria della 70° Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia.

Bertolucci – tornato al cinema l’anno scorso con Io e te, dopo un decennio di silenzio e gravi problemi di salute – è uno degli ultimi giganti del nostro cinema.

Premiato con la Palma delle Palme a Cannes due anni fa, Bertolucci è stato il più internazionale dei nostri registi, affascinato dalla Nouvelle Vague quanto dalla Hollywood degli anni d’oro.

L’emozione struggente provata a Cannes in Salle Bazin due anni fa, rivendendo la copia restaurata de Il conformista, è stata pari solo alla magia di ritrovare un nuovo film del maestro, due anni dopo, nello stesso festival e nella stessa sala.

Bertolucci ha dichiarato: «Ho accettato con allegria di presiedere la giuria della settantesima Mostra internazionale cinematografica di Venezia. In una manciata di giorni mi si regala la possibilità di vedere quanto di più interessante sta accadendo nelle cinematografie di tutto il mondo. Il mio amico cinefilo Alberto Barbera riesce a infilarsi nelle nicchie cinematografiche più misteriose dei più misteriosi paesi del mondo. È la mia seconda volta. Nel 1983 la Mostra celebrava la sua 40a edizione. La mia giuria, composta quasi tutta (tutta) di registi non poteva che premiare Jean-Luc Godard, a cui tutti noi dovevamo tanto e che non aveva mai avuto un premio importante nella sua vita. Allora ai film chiedevo sorpresa e piacere. Non sono molto cambiato».

Da tutti noi di Stanze di Cinema: auguri Bernardo!

________________________________________

E’ Bernardo Bertolucci la personalità chiamata a presiedere la Giuria internazionale del Concorso della 70. Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica di Venezia (28 agosto – 7 settembre 2013), che assegnerà il Leone d’oro per il miglior film e gli altri premi ufficiali.

La decisione è stata presa dal Cda della Biennale presieduto da Paolo Baratta, su proposta del Direttore della Mostra Alberto Barbera.

“Pochi registi, al pari di Bertolucci, sommano alla lunga esperienza il fatto di vivere un presente cinematografico in cui agiscono con le loro opere, di cui si interessano (esercitando un’inesausta curiosità) e di cui si preoccupano, perché scovare e portare all’attenzione ciò che di vitale si sta muovendo e ciò che di bello sta magari esplodendo, è tra i migliori servizi che il cinema possa fare a se stesso” – ha dichiarato il Direttore della Mostra Alberto Barbera – “Anche per questi motivi, Bertolucci è il Presidente ideale per il ruolo importante e delicato che ha generosamente accettato di ricoprire”.

“Ho accettato con allegria di presiedere la giuria della settantesima Mostra internazionale cinematografica di Venezia. – ha dichiarato Bernardo Bertolucci – In una manciata di giorni mi si regala la possibilità di vedere quanto di più interessante sta accadendo  nelle cinematografie di tutto il mondo. Il mio amico cinefilo Alberto Barbera riesce a infilarsi nelle nicchie cinematografiche più misteriose dei più misteriosi paesi del mondo.

E’ la mia seconda volta. Nel 1983 la Mostra celebrava la sua 40a edizione. La mia giuria, composta quasi tutta (tutta) di registi non poteva che premiare Jean-Luc Godard, a cui tutti noi dovevamo tanto e che non aveva mai avuto un premio importante nella sua vita. Allora ai film chiedevo sorpresa e piacere.  Non sono molto cambiato”.

Bernardo Bertolucci può essere considerato il regista italiano in attività più celebre al mondo, e uno dei più influenti della storia del cinema.

Nelle importanti ricorrenze della Mostra di Venezia – come la 70a edizione di quest’anno – Bertolucci è sempre stato vicino al più antico fra tutti i festival cinematografici. Nel 1983 Bertolucci è stato Presidente della Giuria del Concorso della 40a edizione della Mostra, che ha assegnato il Leone d’Oro a Prénom Carmen di Jean-Luc Godard. Nel 2003, alla 60a edizione della Mostra, ha presentato The Dreamers. Nel 2007 gli è stato attribuito il Leone d’Oro del 75°, premio istituito per celebrare i 75 anni della Mostra (dalla prima edizione del 1932).

Bertolucci esordì come regista proprio a Venezia con La commare secca (1962), e l’anno prima era stato alla Mostra come aiuto regista dell’esordiente Pier Paolo Pasolini con Accattone (1961). In seguito, altre importanti opere di Bertolucci sono state presentate in prima mondiale al Lido: Partner (1968), Strategia del ragno (1970), La luna (1979) e appunto The Dreamers (2003). Nel 2011 Bertolucci ha consegnato il Leone d’oro alla carriera a Marco Bellocchio. Con la sua prestigiosa filmografia, Bertolucci ha ottenuto premi e consensi nei principali festival. Ha stabilito un primato assoluto per un film europeo, aggiudicandosi 9 Oscar con L’ultimo imperatore (1987), primo e unico film italiano a riceverlo per la miglior regia.

Il suo più recente capolavoro, Io e te (2012) ha riscosso uno straordinario successo di critica e pubblico al Festival di Cannes, che nel 2011 aveva attribuito a Bertolucci la Palma d’oro alla carriera. A Io e te è stato assegnato il Nastro d’argento dell’anno 2013 del Sindacato Giornalisti Cinematografici Italiani.

Nella serata conclusiva della prossima 70. Mostra (7 settembre 2013), la Giuria internazionale di Venezia 70, presieduta da Bernardo Bertolucci e complessivamente composta da 9 personalità del cinema e della cultura di diversi Paesi, assegnerà ai lungometraggi in Concorso i seguenti premi ufficiali:

– Leone d’Oro per il miglior film

– Leone d’Argento per la migliore regia

– Gran Premio della Giuria

– Premio Speciale della Giuria (nuovo riconoscimento)

– Coppa Volpi per la migliore interpretazione maschile

– Coppa Volpi per la migliore interpretazione femminile

– Premio Marcello Mastroianni a un giovane attore o attrice emergente

– Premio per la migliore sceneggiatura

E’ esclusa la possibilità di attribuire degli ex aequo, con la sola eccezione delle Coppe Volpi e del Premio Marcello Mastroianni. Inoltre, uno stesso film non può ricevere che uno solo dei premi previsti dal Regolamento. Tuttavia, in casi particolari e sentito il parere del Direttore della Mostra, la Giuria potrà premiare con la Coppa Volpi e con il Premio Marcello Mastroianni anche attori o attrici di film premiati con il Leone d’Argento, il Gran Premio della Giuria, il Premio Speciale della Giuria, il Premio per la migliore sceneggiatura.

Venezia, 9 maggio 2013

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.