Se scorre il sangue: l’ultimo libro di King opzionato da Aronofsky, Stiller e Murphy

E’ uscito in Italia in piena pandemia da Covid 19, il nuovo libro di Stephen King, Se scorre il sangue, pubblicato come sempre da Sperling & Kupfer.

Si tratta di una raccolta di quattro racconti, che hanno già prodotto tre accordi di adattamento diversi a Hollywood.

Ad acquistarli tre produttori molto diversi: Darren Aronofsky, Ben Stiller e Ryan Murphy con Blumhouse con Netflix.

E’ stato Deadline ha lanciare lo scoop,

Ryan Murphy spalleggiato dalla Blumhouse e Netflix ha opzionato il primo racconto Mr. Harrigan’s Phone, che John Lee Hancock (Saving Mr. Banks, The Founder, Highwaymen) adatterà e dirigerà.

Rat è stato scelto invece da Ben Stiller, per dirigere, interpretare e produrre l’adattamento.

Infine Darren Aronofsky con la sua Protozoa ha opzionato The Life Of Chuck, per ora con l’intenzione di limitarsi a produrlo.

Let It Bleed, l’ultimo episodio potrebbe trovare presto un acquirente, avendo come protagonista Holly Gibney,la detective chiaroveggente interpretata nella serie HBO The Outsider da Cynthia Erivo e presente anche in Mr.Mercedes.

Ci sono diversi modi di dire, quando si parla di notizie, e sono tutti leggendari: «Sbatti il mostro in prima pagina», «Fa più notizia Uomo morde cane che Cane morde uomo» e naturalmente «Se scorre il sangue, si vende». Nel racconto di King che dà il titolo a questa raccolta, è una bomba alla Albert Macready Middle School a garantire i titoli cubitali delle prime pagine e le cruente immagini di apertura dei telegiornali. Tra i milioni di spettatori inorriditi davanti allo schermo, però, ce n’è una che coglie una nota stonata. Holly Gibney, l’investigatrice che ha già avuto esperienze ai confini della realtà con Mr Mercedes e con l’Outsider, osserva la scena del crimine e si rende conto che qualcosa non va, che il primo inviato sul luogo della strage ha qualcosa di sbagliato. Inizia così “Se scorre il sangue”, sequel indipendente di “The Outsider”, protagonista la formidabile Holly nel suo primo caso da solista. Ma il lungo racconto dedicato alla detective preferita di King (come scrive lui stesso nella sua nota finale) è solo uno dei quattro che compongono la raccolta. Da “Il telefono del signor Harrigan”, dove vita e tecnologia si intrecciano in modo inusuale, a “La vita di Chuck”, ispirato a un cartellone pubblicitario, fino a “Ratto” – che gioca con la natura stessa del talento di uno scrittore – le storie di questa raccolta sono fuori dagli schemi, a volte sentimentali, forse anche fuori dal tempo. In una parola, kinghiane.

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.