Venezia 2018: le prime anticipazioni sui film in programma

In attesa della conferenza stampa di Alberto Barbera e Paolo Baratta di fine luglio, le cose che si sanno della prossima 75° Mostra del Cinema di Venezia sono queste: Guillarmo Del Toro sarà presidente di giuria, David Cronenberg riceverà il Leone d’Oro alla carriera e Michele Riondino sarà il padrino delle serate di apertura e chiusura.

Non ci sono stati sinora neppure grandi rumors sui film in cartellone, nè annuncia sul film d’apertura, nè tantomeno immagini in anteprima della locandina della prossima mostra.

In un pezzo di The Hollywood Reporter di fine maggio si indicavano una quindicina di film che probabilmente avremmo visto al Lido. Eccone alcuni:

If Beale Street Could Talk del premio Oscar Barry Jenkins, tratto dal romanzo di James Baldwin, con Regina King, Colman Domingo, Pedro Pascal, Diego Luna, Dave Franco. Producono Annapurna e Plan B.

The Sisters Brothers di Jaques Audiard, alla sua prima trasferta americana: un western interpretato da Joaquin Phoenix e John C. Reilly.

Peterloo di Mike Lieghe, prodotto da Amazon. Probabilmente rifiutato da Cannes, dovrebbe approdare al Lido, raccontando la rivolta operaia del 1819 che condusse al Massacro di Manchester.

First Man di Damien Chazelle con Ryan Gosling. Dopo aver aperto la Mostra due ani fa con l’epocale La La Land, il due dovrebbe tornare al Lido con un film dedicato a Neil Armstrong e al primo allunaggio del 1969.

Suspiria di Luca Guadagnino con Dakota Johnson, Chloe Grace Moretz e Tilda Swinton. Pronto da mesi, il remake americano del capolavoro di Dario Argento, è pronto a spaventare le notti veneziane. Lontanissimo dalle atmosfere e dai colori originali, il film di Guadagnino dovrebbe essere sicuramente in laguna.

The Favorite di Yorgos Lanthimos con Olivia Colman, Rachel Weisz ed Emma Stone. Un dramma ottocentesco tra regine, dame di compagnia, cortigiane ambiziose.

Non Fiction di Olivier Assayas con Juliette Binoche e Guillame Canet. Si riforma la coppia di Sils Maria con un dramma ambientato nel mondo dell’editoria.

The Beach Bum di Harmony Korine con Matthew McConaughey. Sequel ideale di Spring Breakers con il protagonista poeta nomade e surfista. Accanto a lui Zac Efron e Snopp Dogg.

The Death and Life of John F. Donovan di Xavier Dolan con Natalie Portman, Kit Harington, Jacob Tremblay, Susan Sarandon. Girato oltre un anno fa, Dolan ha rifiutato Cannes per rimettere mano al montaggio del film. Il ruoo di Jessica Chastain già era stato completamente tagliato. Sarà pronto per Venezia?

Radegund di Terrence Malick. Anche qui si tratta di un film girato due anni fa, anche in Italia, sull’obiettore di coscienza austraico August Diehl, durante la Seconda Guerra Mondiale. La lunghezza delle post produzioni di Malick è leggendaria, ma forse il film potrebbe anche essere pronto ormai.

Sunset di Lazlo Nemes: secondo film del premio Oscar ungherese de Il figlio di Saul, è un dramma in costume, ambientato a Budapest ai tempi dell’Impero austro-ungarico.

Work Without Author di Florian Henckel von Donnersmarck con Paula Beer, Oliver Masucci, Sebastian Koch. Dopo l’Oscar per Le vite degli altri ed il pessimo The Tourist, il regista tedesco ritorna in territori familiari: un artista della Germania dell’Est fugge ad Ovest, portandosi dietro i fantasmi della guerra e del regime comunista.

High Life di Claire Denis con Juliette Binoche e Robert Pattinson. Primo film di fantascienza e in inglese per la francese Denis. Attese altissime.

Per Netflix ci saranno probabilmente i film rifiutati da Cannes, ovverosia Roma di Alfonso Cuaron, Norway di Paul Greengrass e chissà che non sia anche The Other Side of the Wind di Orson Welles, finalmente completato.

Potrebbe esserci anche Domino di Brian De Palma, che ha avuto enormi problemi produttivi, ma che dovrebbe essere pronto.

E chissà che non possano trovare spazio anche A Star is Born di Bradley Cooper con Lady Gaga e Mektoub my Love: Canto Due di Abdellatif Kechiche, che aveva messo sottosopra la Mostra l’anno passato con il primo capitolo.

Oltre a Cuaron, l’america latina potrebbe essere rappresentata da La quietud, di Pablo Trapero interpretato da Martina Guzman e Berenice Bejo.

Dall’est potrebbero arrivare il nuovo wuxia di di Zhang Yimou, intitolato Shadow e Homeland di Wang Xiaoshuai (Red Amnesia).

E’ pronto anche Gomera di Corneliu Porumboiu, mai sul Lido. Un habituée invece Ulrich Seidl, che potrebbe portare il suo Evil Games, scritto dalla moglie Veronica Franz.

Più difficile parlare degli italiani: potrebbe essere il turno di Mario Martone con il suo Capri/Batterie ambientato nel 1914, oppure Una storia senza nome di Roberto Andò, interpretato da Micaela Ramazzotti e Laura Morante.

Molto probabili anche Sulla mia pelle diretto da Alessio Cremonini con Jasmine TRinca e Alessandro Borghi, dedicato al caso Cucchi, La Profezia Dell’Armadillo, tratto dalla graphic novel di Zerocalcare e Le Villeggianti, il film di Valeria Bruni Tedeschi con Valeria Golino.

Più difficile che trovi spazio Il primo Re di Matteo Rovere, dedicato alla fondazione di Roma e alla storia di Romolo e Remo, con Alessandro Borghi, e girato, così pare, alla maniera del Gibson di Apocalypto.

Altrettanto difficile immaginare Paolo Virzì di nuovo in concorso un anno dopo Ella & John, con il suo nuovo Notti magiche.

Potrebbe tornare a Venezia, questa volta in concorso, Edoardo De Angelis con Il vizio della speranza, ambientato a Castelvolturno.

Di produzione italiana anche il nuovo film di Andrei Konchalovsky,Il peccato, dedicato a Michelangelo Buonarroti.

Ma questi sono solo rumors. Il resto lo sapremo solo a fine mese…

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.