Il Report annuale della MPAA: il box office mondiale cresce del 5%, ma gli Stati Uniti sono ormai un mercato maturo

Interessante relazione quella del nuovo presidente della MPAA, la Motion Picture Association of America, Charles Rivkin, già ambasciatore in Francia ed ora a capo degli imprenditori dell’audiovisivo.

Nel suo report annuale ha messo in fila, uno dopo l’altro, i numeri del settore per l’anno 2017, che segnalano alcune peculiarità, che vi riportiamo volentieri e che hanno molto interessato anche il presidente della NATO, la National Association of Theatre Owners, John Fithian.

Il mercato americano è stabile, superando la somma complessiva di 11 miliardi di dollari in biglietti staccati, per il terzo anno di fila. Tuttavia il box office mondiale è cresciuto del 5% fino a 40.6 miliardi di dollari. Se però la crescita internazionale si è attesta al 7% su 29.5 miliardi, la quota del Nord America  è scesa del 2,6% a 11.1 miliardi. Gli Stati Uniti sono un mercato ormai maturo.

I consumatori globali hanno speso di più nell’home entertainment, con una crescita dell’11% portando il totale a 47.8 miliardi di dollari. Negli Stati Uniti invece la crescita è stata anche in questo caso più contenuta, pari al 5%, per un totale di 20.5 miliardi.

I film più noleggiati negli Stati Uniti? A sorpresa il n.1 è The Accountant con Ben Affleck, seguito da Oceania della Disney e Wonder Woman.

Gli abbonamenti alle piattaforme di video online e streaming sono cresciuti addirittura del 33% mentre quelli alle tv via cavo sono diminuiti per il secondo anno di fila. Tuttavia le tv via cavo e le pay tv rimangono la piattaforma più redditizia, con un incremento di 1.1 miliardi per un fatturato totale di 108 miliardi.

Fithian della NATO ha fatto notare come la grandezza del mercato nordamericano sia incredibilmente minore rispetto alla quota di incassi delle loro sale: se negli Stati Uniti vive in fatti il 5% della popolazione mondiale, il loro mercato produce il 30% del fatturato delle sale.

In U.S.A. e Canada ogni schermo incassa in media, durante l’anno, circa 257.000 dollari, mentre in Europa si scende a 242.000 e nella regione pacifica dell’Asia a 216.000.

Il primato americano è tuttavia in pericolo: secondo Rivkin la Cina diventerà presto il più grande mercato mondiale. Si costruiscono ancora 25 sale di qualità ogni giorno nel paese della Grande Muraglia.

Fithian non sembra preoccupato invece dell’influenza delle piattaforme digitali sull’entertainment globale: “people who love movies love them everywhere. People are watching more movies in the home. The growth of the market in the home is coupled with theatrical. We want our partners to make more money in the home, so that they will be able to make more product for us in theatrical.”

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

w

Connessione a %s...