Venezia 2015. Banat – Il viaggio

banat-immagine

Banat – Il viaggio *

Dopo il successo dei suoi cortometraggi, il primo film di Adriano Valerio è un pasticcio di rara bruttezza, mal scritto, girato in maniera scolastica e interpretato da un insopportabile Edoardo Gabriellini, che non sembra essere mai uscito da Ovosodo.

Un agronomo di Bari trova lavoro a Banat in Romania: dopo aver rimandato una volta il viaggio, finalmente si decide a lasciare la casa italiana. La nuova inquilina arriva proprio mentre lui sta ancora terminando di impacchettare le sue cose.

Lei costruisce barche ed è incinta. Ha appena abbandonato il padre del bimbo che porta in grembo.

Tra i due naturalmente scatta subito una scintilla. Prima che lui parta l’indomani, lei riesce anche a perdere il cane della padrona di casa, prolungando così la forzata coabitazione.

In Romania lui trova nebbia e desolazione che neppure in val padana nel 1945. Lei a Bari perde il lavoro e si decide a raggiungerlo.

Tra un incendio doloso ed uno squallido casolare privo di tutto, i due si innamorano e cercano un modo per stare assieme…

Privo di uno sguardo cinematografico e di un qualsiasi interesse anche solo sociologico, per non dire politico, capace di suggerire una qualche riflessione sull’Italia di oggi, sull’emigrazione al contrario, sul valore del lavoro e della vita dei campi, il solo elemento positivo di Banat è l’interpretazione di Elena Radonicich: è l’unica che non sembri capitata per caso sul set e la sola che riesca a recitare i dialoghi del film, donando al suo personaggio una qualche credibilità drammatica.

Se il film non naufraga completamente è solo grazie alla sua generosità ed al suo sguardo malinconico.

Purtroppo Banat sembra troppo simile a tanti esordi italiani, caratterizzati da un racconto privo di alcun valore, da personaggi e scrittura superficiali e approssimativi, da uno sguardo minimalista in senso deteriore.

Da dimenticare.

Banat 1

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.