Paolo Baratta e la nuova Biennale

paolo-baratta_3

“La sola utilità dell’arte deve essere quella di provocare ansia ermeneutica”

Magnifica intervista di Vittorio Zincone a Paolo Baratta su Sette del Corriere della Sera.

Baratta, presidente della Biennale di Venezia, racconta di sé, degli obiettivi della nuova esposizione, del ruolo della cultura e delle arti visive.

Vi consigliamo caldamente di leggerla qui, anche se il titolo è fuorviante.

Ecco uno dei passi più significativi:

“Il tema centrale dell’arte contemporanea è dare forma alle idee. Quest’anno il curatore, invece di chiamare semplicemente degli artisti per soddisfare questa esigenza, costruirà un percorso prospettico. Sarà una mostra di ricerca. Lo scopo è quello di suscitare una riflessione sui singoli lavori e soddisfare due esigenze… quella dell’emozione visiva e quella di raccontare il mondo degli artisti e il modo in cui sono arrivati a esprimere quell’emozione. Si tratta di digerire l’arte contemporanea. Chi attraversa le Corderie, l’insieme delle sale della Biennale, arrivato in fondo deve sentirsi diverso”

 

 

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.