A room with a view: Blue Valentine

Blue-Valentine-blue-valentine-25345374-1280-1024

Un film cupo e disperato sulla fine di un matrimonio e sulle circostanze che accompagnano la morte di un amore; ricco di interrogativi dolorosi e pressanti, secondo il critico del Guardian Peter Bradshaw, Blue Valentine merita tre stellette su cinque.

Patrocinato da Henry Weinstein e co-prodotto dai protagonisti Ryan Gosling e Michelle Williams, il film di Derek Cianfrance arriva in (pochissime) sale italiane con un ritardo di ben tre anni rispetto alla prima proiezione al Sundance Film Festival.

Alla seconda regia, lo statunitense Cianfrance dà prova di esser “serio e degno di considerazione” al pari di colleghi illustri quali Sam Mendes o François Ozon, rincara Bradshaw. Unico difetto, l’intrusione a volte fin troppo visibile degli attori nelle fasi di scrittura e di riprese, tanto da rischiare di rubare la scena rispetto all’evoluzione delle vicende sullo schermo.

My reservation about the film centres on a long scene in which Dean, after much cajoling, takes Cindy to a wacky “love motel” – having parked their kid with her dad – so that they can just hang out and have fun and sex. This scene seemed redundant and overextended and sometimes looked a bit like an actors’ exploratory improv session.

Il film è nelle sale italiane dal giorno di San Valentino.

Un pensiero riguardo “A room with a view: Blue Valentine”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.