Dwayne Johnson nel sequel di Grosso guaio a Chinatown

Cominciano ad essere diffuse le prime notizie sul remake/reboot/sequel di Grosso guaio a Chinatown, il divertissement firmato da John Carpenter a metà anni ’80, con l’icona Kurt Russell nei panni dell’eroe sbruffone e fallimentare, il camionista Jack Burton.

Non sarà un remake, ma una sorta di sequel. Dwayne The Rock Johnson non interpreterà Jack Burton, ma un altro personaggio, in qualche modo legato alla storia originale, che resterà come blueprint e riferimento per questa nuova avventura.

Hiram Garcia, uno dei produttori ha infatti confermato: “There’s a lot of things going on with ‘Big Trouble in Little China’. We are in the process of developing that, and let me tell you, the idea is not to actually remake ‘Big Trouble in Little China.’ You can’t remake a classic like that, so what we’re planning to do is we’re going to continue the story. We’re going to continue the universe of ‘Big Trouble in Little China.’ Everything that happened in the original exists and is standalone and I think there’s only one person that could ever play Jack Burton, so Dwayne would never try and play that character. So we are just having a lot of fun. We’re actually in a really great space with the story that we’ve cracked. But yeah, no remake. It is a continuation, and we are deep into development on that as well, and I think you’ll start hearing some things about that probably soon.”

Chissà allora che sia lo stesso Kurt Russell a tornare nei panni di Burton, uno dei personaggi più incredibili del cinema americano di quegli anni: un eroe proletario capace di incasinare ogni piano, le cui azioni sono sempre inefficaci e fallimentari.

L’originale, un clamoroso insuccesso per la Fox, uscito il 2 luglio 1986, era uno scatenato omaggio al clichè della damsel in distress, aggiornato a tutta l’epica che arrivava allora da Hong Kong: arti marziali, fantasy e magia, azione parossistica, i film di Tsui Hark e quelli di Jackie Chan.

Grosso guaio a Chinatown è diventato un classico degli anni ’80, grazie all’homevideo, ma Carpenter abbandonò Hollywood deluso dalle pesanti e continue interferenze della produzione e dalla scarsa fiducia nel film.

Speriamo solo che sia divertente e raffinato almeno la metà dell’originale: John Carpenter, perdonali…

“Sei pronto? Sono nato pronto!”

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

This site uses Akismet to reduce spam. Learn how your comment data is processed.