Nadine Labaki e Gianni Amelio vincono a Toronto

 

Si è chiuso domenica il Toronto International Film Festival, ormai secondo solo a Cannes, per impatto mediatico e commerciale.

Il Festival proietta nelle sue varie sezioni quasi 300 film, ma non ha un concorso vero e proprio.

Ci sono però lo stesso dei premi, assegnati dalla FIPRESCI, la Federazione Internazionale dei Critici Cinematografici, e dal pubblico.

Nel corso degli anni, il premio del pubblico ha assunto un’importanza sempre maggiore, considerato che ha portato fortuna ad American Beauty, La vita è bella, Amelie, Precious, The Millionaire, La promessa dell’assassino e Il discorso del Re, molti di questi laureati con Golden Globe e Premi Oscar.

Quest’anno il premio è andato a Christine Labaki per il suo Et maintenant, on va où? (Where do we go now?)  che già era stato presentato al Festival di Cannes, nella sezione Un certain Regard.

La sorpresa viene dal premio FIPRESCI, che ha visto trionfare Gianni Amelio, per l’adattamento dell’ultimo romanzo incompiuto di Albert Camus, Il primo uomo, una coproduzione francese e italiana.

Accolto in maniera tiepida da Variety, il film ha invece trovato ampi consensi nella giuria internazionale dei critici.

Ancora più incomprensibile appare a questo punto l’esclusione dalla Mostra di Venezia, a favore di due film debolissimi e irrisolti come L’ultimo Terrestre e come il romanzetto harmony firmato dalla Comencini.

Speriamo sia stata una scelta di Amelio e non dei selezionatori di Venezia…

Ecco tutti i vincitori:

Premi FIPRESCI, assegnati dalla international federation of film critics, una giuria composta da Diego Batlle (Argentina), Carmen Gray (United Kingdom), Freddie Wong Kwok-Shiu (Hong Kong), Sam Adams (United States), Pascal Grenier (Canada) e John Semley (Canada):

  • FIPRESCI FOR DISCOVERY PROGRAMME
    Axel Petersen per Avalon (Svezia)
  • FIPRESCI FOR SPECIAL PRESENTATIONS
    Gianni Amelio per Il Primo Uomo (Italia, Francia, Algeria) “Gianni Amelio’s realization of an unfinished Albert Camus novel explores the legacy of colonialism with the tenderness of a memoir and the unflinching gaze of a war reporter.”

Premi Cadillac, assegnati dal pubblico del Festival:

  • CADILLAC PEOPLE’S CHOICE AWARD
    Nadine Labaki per Where Do We Go Now?
    Runner up: Asghar Farhadi per A Separation, Ken Scott per Starbuck
  • CADILLAC PEOPLE’S CHOICE DOCUMENTARY AWARD
    Jon Shenk per The Island President
    Runner up: Bess Kargman per First Position e Cameron Crowe per Pearl Jam Twenty
  • CADILLAC PEOPLE’S CHOICE MIDNIGHT MADNESS AWARD
    Gareth Evans per The Raid
    Runner up: Adam Wingard per You’re Next, Bobcat Goldthwait per God Bless America

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.