Le parole del direttore: Mueller sulla Mostra

Marco Mueller in conferenza stampa ha cercato di dare conto delle sue scelte: “Mi hanno sempre raffigurato come un fabbricante di festival sinologi, ma quest’anno abbiamo tanto Giappone con un triplo Takashi Miike, l’America latina con il bellissimo film di Larrain in concorso (Post Mortem) e la Spagna: non solo de la Iglesia in competizione (Balada Triste de Trompeta) ma tanto cinema catalano in Orizzonti, vero e proprio laboratorio del futuro“.

“La Mostra deve intercettare lo spirito dei tempi con particolare attenzione al cinema in ogni sua forma. Ogni preclusione su pellicola o digitale, corto o lungometraggio, commerciale o autoriale è stata abbattuta: il compito dei selezionatori deve da un lato rimanere fedele allo spirito storico della Mostra, che è quello di intercettare le tendenze più innovative del cinema internazionale, ma dall’altro non escludere mai il “basso”, il cosiddetto commerciale o industriale”.

Mentre sulle assenze importanti spiega: “Per The American i produttori volevano l’apertura ma noi abbiamo preferito schierare un tris d’assi come il nuovo Aronofski, Machete di Rodriguez e il divertentissimo film di Andrew Lau che abbiamo scelto per celebrare il 70° anniversario della nascita di Bruce Lee“.

Nonostante Venezia non si un festival celebrativo, ci sono testimonianze importanti: “A due tenevamo in particolare: l’omaggio a Vittorio Gassman di Giancarlo Scarchilli (il doc Vittorio racconta Gassman – Una vita da mattatore) e quello a Dennis Hopper di cui riproporremo The Last Movie”.

Su Tree of Life di Malick Muller lascia aperta una speranza (“Se è suo il film a sorpesa? Sono aperte tutte le illazioni“), ma è noto che il film non sarà pronto prima del 2011. Probabilmente le due sorprese (una sarà il 23° film in concorso) andranno pescate tra i nuovi di John Carpenter (The Ward, che era dato per certo in competizione), Burke and Hare di John Landis (“I produttori al momento me l’hanno stoppato perchè non è ancora finito“, rivela Muller) e The Social Network di David Fincher (anche questo alla vigilia era stato dato tra i papabili in cartellone). E sul mancato inserimento di The Town in gara: “Avrebbe potuto starci tranquillamente, ma Ben Affleck ha scelto di andare fuori concorso“.

In un concorso nel quale l’età media dei registi è di 46 anni e dove ci aspetttano molte conferme e qualche sorpresa, quello che amnca sono i divi: niente Clooney, niente Pitt e Penn, neppure Scorsese pare che arriverà, impegnato sul set parigino del suo nuovo film.

Forse si può lasciare serenamente a casa la macchina fotografica…

Qui sotto la conferenza stampa di Baratta e Mueller:

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.