Netflix acquista The Other Side Of The Wind: l’ultimo film di Orson Welles sarà montato e distribuito in tutto il mondo

L’ultimo ciak fu battuto nel gennaio del 1976.

Da allora sono passati oltre 40 anni e nessuno era mai riuscito a terminare The Other Side Of The Wind, l’ultimo film di Orson Welles, interpretato da John Huston.

Le modalità spericolate con cui Welles aveva finanziato i quasi sei anni di riprese, per quello che avrebbe dovuto essere il suo film-testamento, divennero un labirinto senza uscita ed ebbero la meglio sulla sua volontà di portare a termine l’opera.

I negativi, di proprietà del cognato dello Scià di Persia, rimasero, dall’inizio della rivoluzione khomeinista, in un deposito a Parigi. Gli eredi di Welles, la figlia Beatrice e l’ultima compagna Oja Kodar, non riuscirono mai a trovare un accordo.

Nonostante il coinvolgimento di Frank Marshall, allora giovane line producer, poi diventato, a fianco della moglie Kathleen Kennedy e di Steven Spielberg, uno dei maggiori produttori di Hollywood, nessuno era riuscito a mettere insieme tutti i pezzi.

Fino a che Filip Jan Rymsza, un produttore polacco-americano, non ancora nato quando Welles finì di girare il film, decise che era giunto il momento di riportare alla luce il lavoro misconosciuto del grande maestro.

Rymsza ha innanzitutto acquistato i diritti e i negativi dalla Les Films de l’Astrophore di Mehdi Boushehri, il cognato dello Scià. Quindi ha negoziato con gli eredi di Welles per trovare un accordo soddisfacente. Avrebbe dovuto essere Showtime a finanziare il montaggio. Ma le cose non andarono per il verso giusto, nonostante un articolo del 2014 sulla prima pagina del New York Times annunciasse la conclusione dell’accordo.

Neppure una campagna di crowdfunding riuscì a sbloccare la situazione.

Tutto è cambiato quando è entrato in gioco il gigante Netflix, che Rymsza contattò al Toronto Film Festival nel 2015.

Furono rinegoziati tutti gli accordi, perchè il mondo Netflix opera in maniera del tutto differente dalle altre major: diciotto mesi di intensissime trattative.

Ma il 9 marzo finalmente le 1083 bobine con il girato di The Other Side Of The Wind sono finalmente partite da Parigi alla volta di Los Angeles, dove saranno scansionate a 4k e affidate ad un team di montatori, supervisionato da Peter Bogdanovich, eterno sodale di Welles, attore nel film e custode degli appunti e delle memorie del regista.

L’incredibile avventura di The Other Side Of The Wind è una delle più infelici nel grande racconto della storia del cinema. Dopo L’infernale Quinlan del 1958, Welles lavorò costantemente fuori dall’industria, girovagando per l’Europa in cerca di finanziamenti, girando i suoi film nelle pause dei suoi progetti d’attore, perdendo tempo e lasciando a metà troppi progetti.

Eppure, come dimostrano i suoi ultimi film, Falstaff, Storia immortale e F for Fake il suo talento sperimentale e l’impeto narrativo non l’avevano abbandonato, spingendolo in territori nuovi, che i suoi epigoni della New Hollywood avrebbero esplorato anche per lui, ridotto al silenzio negli ultimi 15 anni di vita.

Ora finalmente avremo accesso alle ultime immagini del suo cinema, naturalmente con tutti i limiti, storici e filologici, che un’operazione di questo tipo porta con sè.

Welles è morto nel 1985, ha lasciato degli appunti sul montaggio e c’è ovviamente una sceneggiatura. Ma le riprese si protrassero per anni. E se c’è un regista che fece del montaggio un’arte questo fu proprio Welles. Il film che vedremo non potrà che essere un’ombra di quello effettivamente immaginato 40 anni fa.

Sarà un po’ come trovarsi di fronte ad una scoperta archeologica, un reperto di un’epoca che non c’è più, l’ultimo sguardo sul mondo, di uno dei giganti del Novecento.

 

 

 

 

Advertisements

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: