Paolo Cavara. Gli occhi che raccontano il mondo

Cavara 1

“Non vi sono autentici motivi ideologici che danno senso alla violenza, ma dei pretesti travestiti di idealità.”

Paolo Cavara, Film spettacolo, 10/5/1969

Paolo Cavara è uno dei registi dimenticati dal mondo del cinema italiano. Scomparso prematuramente nel 1982, i suoi film, con la sola eccezione dei documentari celeberrimi firmati nei primi anni ’60 con Jacopetti e Prosperi (Mondo cane, La donna nel mondo), sono come scomparsi assieme a lui.

Se la televisione non li trasmette, l’home video è altrettanto colpevolmente “distratto”.

Quello di Paolo Cavara è diventato un cinema invisibile. Persino il suo film più stratificato e illuminante, L’occhio selvaggio, non è mai stato editato in Italia nè in vhs, nè in dvd e non è mai stato programmato da nessuna emittente televisiva.

A rompere l’oblio che ha finito per avvolgere il suo nome nel corso degli ultimi trent’anni, è arrivato finalmente il critico e saggista Fabrizio Fogliato, che nel suo “Paolo Cavara. Gli occhi che raccontano il mondo”, restituisce al regista il posto che merita nel quadro del cinema italiano d’autore degli anni ’60 e ’70.

Il libro di Fogliato è molto di più di un grande libro sul cinema, è un racconto d’avventure, una testimonianza di passione e lucidità su un artigiano che ha sempre lavorato nella piena consapevolezza dei propri mezzi.

La forte attenzione al taglio documentario della ripresa, il montaggio secco e stringato ed una propensione nel raccontare tanto la follia umana, quanto la sconfitta di personaggi non allineati, hanno accompagnato il cinema di Cavara, dai documentari subacquei dei primi anni ’50, passando attraverso i mondo movie e quindi nel cinema più propriamente di finzione e di genere, sino alle ultime opere televisive.

Il suo cinema è sorprendente per chi lo voglia riscoprire oggi: coniuga crudeltà e senso del fantastico, interrogandosi sui rischi ed i limiti della rappresentazione, sull’estensione della violenza e sulla ferocia della natura.

Le sue riflessioni sul ruolo del documentarista e sullo sfruttamento sensazionalistico della crudeltà della natura e dell’uomo, sono ancora oggi attualissime, se ripensiamo a due dei documentari più importanti dell’ultimo anno, The Act of Killing e L’image manquante.

Il libro di Fogliato è affascinante e coinvolgente, anche per chi non conosca l’opera di Cavara: nella prima parte l’autore ricostruisce – anche attraverso le testimonianze preziose del figlio Pietro e di alcuni storici collaboratori di Cavara (Ritz Ortolani, Gigi Proietti, Giancarlo Giannini, Gianni Cavina) – lo stile e l’umanità del regista bolognese, ne racconta gli esordi avventurosi nei mari del sud ed in estremo oriente, pubblicando anche il soggetto originale di Mondo Cane, nonchè un prezioso elenco delle scene girate e mai montante.

Il libro riporta altresì in dettaglio i soggetti e le sceneggiature di Cavara rimasti sulla carta.

Nella seconda parte, il libro si sofferma invece sui quindici film realizzati per il cinema e la televisione, analizzandoli singolarmente e pubblicando anche i più importanti interventi critici del tempo.

Come scrive Fogliato: “Paolo Cavara è un uomo in viaggio, un viaggio che non è mai fine a se stesso, non è mai semplice ricerca della scoperta, non è mai rincorsa verso il successo, ma è prima di tutto ritorno alle origini dell’esistenza. Un viaggio che è domanda più che risposta, è conoscenza di sè più che degli altri”.

“Paolo Cavara. Gli occhi che raccontano il mondo” è un libro prezioso, per riscoprire un uomo ed un regista d’altri tempi, eppure ancora oggi modernissimo e necessario.

 

Un pensiero riguardo “Paolo Cavara. Gli occhi che raccontano il mondo”

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.