Riccaro Tozzi ed il futuro della distribuzione in sala e sul web

In una bellissima intervista su Bad taste, a cura di Francesco Alò, Riccardo Tozzi, Presidente dell’ANICA e a capo della Cattleya, affronta con la consueta intelligenza e lungimiranza, il problema della distribuzione, a partire da un curioso episodio accaduto in treno: il giorno prima del debutto in sala di Romanzo di una strage, si accorge con sgomento che il suo film è già disponibile in rete per il download illegale.

Da qui nascono considerazioni interessati sullo stato della pirateria, sulle iniziative del Parlamento, sui canali distributivi e sulle strategie di lancio dei film, che forse vanno ripensate ed adattate ad ogni prodotto.

L’idea che tutti i film vengano proposti allo stesso modo (debutto in sala, homevideo, paytv, web e tv generalista) e negli stessi tempi non funziona più.

Tante volte ci siamo lamentati per la scarsa distribuzione di film di qualità, che raramente uscivano dal circuito metropolitano delle città capoluogo. D’altronde è anche corretto che i distributori facciano le loro scelte commerciali sul numero di copie e sulla copertura del territorio.

Questo però, con le modalità di distribuzione standard di fine novecento, vuol dire tagliare fuori molti possibili spettatori, cinefili ed appassionati, che finiscono per rivolgersi al web, inevitabilmente.

Tozzi dimostra di essere perfettamente consapevole dei rischi di questa strategia e di avere le idee chiare sui cambiamenti necessari.

Leggete l’intervista qui. Ne vale pena!

Annunci

E tu, cosa ne pensi?

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.